Pagine

lunedì 29 giugno 2020

Post n. 1

Come sempre mi ero attribuita colpe e responsabilità non mie.
Sono sempre quella che si condanna più degli altri, che si prende la responsabilità di cose e situazioni che vanno oltre la mia portata.
Mi sono rotta veramente il cazzo di chiedere scusa anche per i comportamenti di merda che gli altri hanno nei miei confronti. 
Quindi scusa un cazzo, amica.
Mi hai abbandonata nel momento in cui ero io ad avere bisogno. 
Ti sei dimenticata la sera in cui siamo rimaste in macchina, sotto casa mia? Dovevamo uscire, eravamo ben vestite e truccate ma alla fine tu piangevi a dirotto, io provavo a starti vicino. 
E le sere in cui piangevi per lui ed io a dirti che era lui che ci perdeva, ma dove cazzo la trovava una come te, hai dimenticato anche quelle?
Perché mentre io gridavo, seppur senza fare rumore, che pensavo al suicidio, non sei venuta a prendermi, non mi hai fatto sedere accanto a te, nella tua macchina, a dirmi che valgo almeno un pò, almeno per te, invece di fare finta di niente?
Perché non mi hai scritto, non hai reagito, la sera del mio messaggio?
Avrei preferito che mi mandassi a fanculo anziché farmi morire da sola.
Perché devo giustificare te o quell'altra che non voleva neanche dirmi dove cazzo si era trasferita, però, ehi, voleva riprendere l'amicizia con me però lasciando tutto molto vago, non rispondendo neanche alla domanda: dove cazzo vivi adesso.

Non voglio fare più lo stesso errore.
Voglio morire senza più dire di avere un amico, morire di vecchiaia o di cancro o suicida non mi interessa io non voglio più riporre la mia fiducia su nessuno.
Quindi non parlerò più di me. 
Non parlerò del pianto che mi faccio almeno 4 volte a settimana, degli occhi sempre arrossati, della stanchezza, della sfiducia, della voglia di urlare, di farla finita, di scappare, di sbagliare. 

Mari c'è ma sta in Lussemburgo. 
Non riesce a decifrare i mie sbalzi di umore, non la voglio coinvolgere o mi abbandona anche lei.
Ade c'è ma sta male.
Penso a lei e sto male anch'io. 
Come faccio a dire che sto una merda se lei sta passando qualcosa che è peggio della merda?

Perché dovrei nascondermi? Nascondere la mia rabbia, la mia delusione, la mia sfiducia verso gli altri?


Questo è solo il post numero uno.
Il mio odio ve lo meritate tutti. 

Nessun commento:

Posta un commento