Pagine

giovedì 24 ottobre 2019

Di quando il subconscio decide di farti vomitare verità nascoste.

Mi chiedo se le cose siano veramente cambiate o stiano cambiando: in linea di massima mi sembra di sì anche se qualche ricaduta c'è sempre. 
Sono cambiate diverse cose dall'ultima volta che ho finto di essere una blogger; alcune delle quali per nulla belle, altre decisamente migliori.
Ho capito che realmente non possiamo prevedere quando il cataclisma si abbatterà ancora una volta su di noi, forse per questo dovremmo prendere tutto un pò più alla leggera. Io ho delle grosse, immense difficoltà a farlo, ci provo, eh, ci sto lavorando ma non è facile. Occorre aggrapparsi a qualcosa che ti faccia stare bene, ti faccia sorride per strada, ti renda allegra dentro, ti generi autostima, ti renda regina piuttosto che pedina. 
Essere regina mi ha reso più sicura di me in un modo che non credevo possibile, il ché non significa che io sia pronta a conquistare il mondo, più che altro adesso so non rischio di essere quella che viene sacrificata nella prima mossa. Potrei essere molto di più se rompessi le mura che mi circondano, se mi lasciassi un pò scivolare le preoccupazioni quotidiane, se mi concentrassi di più su quello che posso fare anziché rimuginare sugli stessi pensieri tristi.

Oggi però ho avuto la ricaduta. Ho pianto di nuovo sotto la doccia, ho rimuginato,  ho provato la solita fitta al petto, mi sono guardata i polsi e ho pianto di nuovo in silenzio. Ho pensato alla grossa verità che mi è venuta fuori parlando (urlando...) al telefono con mia sorella: le persone a cui voglio più bene non mi ascoltano. Non voglio farne una colpa a nessuno ma il fatto che io sia sempre forte non vuole dire che voglio esserlo sempre. Anch' io ho diritto di sprofondare e piangere ed essere consolata.
E' stato un dolore immenso tirarlo fuori, non ci avevo mai pensato in realtà, è una cosa che mi è salita dallo stomaco, ha attraversato la gola ed è uscita dalla mia bocca con una forza e una violenza che mi ha parecchio spaventata. 
Il mio subconscio ha deciso che era ora di fare un passo in avanti nella mia auto psicoanalisi, m'avesse anche dato poi la forza di accettarlo sarebbe stato fantastico ma a quanto pare per questo devo faticare. 
Quindi attualmente non riesco ad accettarlo, non posso accettarlo e non credo che riuscirò mai. 
E' qualcosa di troppo lontano dal mio modo di essere per poter anche solo lasciarmelo scivolare addosso. Questo non cambia il mio affetto per queste persone, forse mi lega ancora di più a loro. Quando si dice odi et amo.

Ho deciso però che questa ricaduta si limita ad oggi. Domani, no. Domani voglio riprendere quella promessa fatta a me stessa, voglio godermi di più la vita anche a costo di lottare tra la merda che mi circonda da tempo.
Forse sto sbagliando il "modo" di farlo ma onestamente, per la prima volta nella mia volta, voglio agire di stomaco e no di testa, per la prima volta voglio davvero fare il cazzo che voglio, alle conseguenze ci pensino gli altri una tanto.


8 commenti:

  1. La frase che hai urlato/detto a tua sorella è la stessa che ripeto io da anni. Io che ascolto tutti o qisnto meno ci metto tutto il mio impegno... Non vengo ascoltata dai più cari. Capisco adesso leggendo il tuo post che sai quanto dolore da questa situazione. Fatti forza, cazzo! Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente. dietro c'è un dolore immenso, che brucia, sempre.
      ti abbraccio anche io.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Mi viene un pò complicato. Sono una che tende a criticarsi, non a consolarsi..

      Elimina
    2. Se non ci vogliamo bene non possiamo donare amore agli altri.
      Ama il tuo prossimo come te stesso. Se mi buco all'amico del cuore gli regalo l'eroina.
      Abbracciarsi significa accettare i propri limiti.

      Elimina
    3. In realtà ci sto provando... vediamo come va.

      Elimina
  3. E' giusto che l'uomo nasca con i limiti. E' un umano e non un dio.
    Ognuno di noi cerca di migliorare ma serve tempo, incontri buoni.

    RispondiElimina
  4. Mi pare che tu sia sulla buona strada, buonissima strada. Che non vuol dire facile, naturalmente, ma buona perché porterà i suoi frutti. Quindi buon cammino e sii orgogliona di te stessa che te lo meriti proprio 😀😀😀

    RispondiElimina