Pagine

lunedì 16 dicembre 2019

Regalo di Natale.

Ti dirò Grazie in maniera un pò generica, augurandoti Buon Natale, abbracciandoti forte e baciandoti sulla guancia. Ci vediamo venerdì, diremo, allontanandoci l'una dall'altro perché qui dentro sono tutti dei gran pettegoli. 
In realtà qui vorrei spiegarti perché.
Ti dirò Grazie perché mi hai salvata. Da me stessa. Dalle lacrime che mi stavano soffocando, dai pensieri distruttivi che mi stavo annientando la mente.
Ti dirò Grazie e vorrei dirtelo mentre piango disperata, mentre ti spiego il mio dolore, la mia paura. Vorrei dirtelo tenendoti le mani perché so che non riuscirei a guardati negli occhi. Mi vergogno. Strano eh? Vergognarsi di piangere, di confessarsi e non vergognassi d'altro, come se l'altro non avesse cosi importanza mentre questo sì.
Ti dirò Grazie perché ti accorgi di ogni mio malumore, di ogni mio malessere, forse prima ancora che me ne accorga io. 
Inizialmente ero diffidente, sai? Pensavo che era solo un atteggiamento di circostanza. Forse volevano farmelo credere, gli altri e la mia paura di essere colpita alle spalle. Poi alle spalle sono stata colpita ma non da te, tu anzi hai tolto i pugnali e d'allora mi hai guardato le spalle, sempre, come fanno gli amici.  
Forse davvero in un'altra vita eravamo migliori amici. 
Ti dirò Grazie per ogni volta che mi hai tirato su il morale, che mi hai detto la verità lì dove gli altri hanno solo raccontato bugie. 
Non c'è regalo che possa ricompensare questo.
Vorrei dirtelo ma non lo farò. Non posso permettermi il lusso che altri sappiano. Non ho più la forza di spiegare il perché. Perdonami per questo. Ma preferisco tenerlo in fondo al cuore.
Buon Natale.
Con affetto
Cri.


NB: non commentate. 
non è per voi. 



Nessun commento:

Posta un commento