Pagine

domenica 31 gennaio 2016

Voglio spaccare culi come Felicity Smoak.

Più di un anno fa vedevo il mondo immerso nel nero delle tenebre. 
Non mi amavo nemmeno un poco, non apprezzavo nulla di quello che costellava la mia vita e provavo invidia per chi, invece, ai miei occhi, possedeva quello che avevo sempre sognato di avere io.
Oggi, sì, vedo il mondo divorato dall'ignoranza e dalla maleducazione, vedo la merda nella quale stiamo affogando un pò tutti, credo che questa società sia, ormai, totalmente priva di controllo e di buon senso e ho una paura immensa di non trovare un lavoro vero, che non lo trovi più mio padre, che finiremo a cercare nei cassonetti come fanno, ahimè, in tanti ultimamente ed ogni volta, a vederli, mi si stringe il cuore. 
Tuttavia ho imparato ad amarmi un poco di più. Non sono bella, non sarò in forma, non avrò la pelle liscia come quella del culo di un neonato né capelli forti e splendenti ma mi voglio bene lo stesso. Non tutti i giorni magari, ma in linea generale mi sono rotta di aspettare di essere amata da qualcuno per sentirmi apprezzata. 
Ho visto scomparire il desiderio persistente di ricercare qualcuno che mi completi solo dopo avere capito che io sono già completa di mio. Se qualcosa deve succedere, voglio condividere la mia vita con qualcun altro. 
Ok, magari adesso ho il desiderio snervante di trovare un lavoro ma credo che questa sia una faccenda diversa. 
Sono ancora lontana dall'essere diventata quella che voglio.
E se proprio voglio puntare in alto voglio essere come Felicity Smoak.



Felicity ha la mia stessa età, ha un fidanzato da urlo, è presidente di un'azienda grossa quanto il Molise, è sempre elegante, è una maga al computer e ha quel modo di parlare veloce e senza sosta che solo le ragazze Gilmore possono competere con lei.
Però non è per questo che voglio essere come lei. Cioè. Ben vengano Oliver, la Palmer Technologies e la padronanza di camminare su tacchi da 12 centimetri.
Io voglio essere Felicity Smoak perché sebbene lei non indossi una maschera e non sappia neppure una mossa di karate, sebbene sia circondata da amici con queste abilità, sa rialzarsi sempre quando la vita colpisce duro.

<<Ero a casa, in uno stato di autocommiserazione in cui non sono mai stata in tutta la vita quando ho capito: Io sono così. Volevo fare parte della tua fantastica avventura da supereroe perché mi piace aiutare le persone. E la vecchia me era così arrabbiata con il mondo ma la rabbia non ha mai portato a niente, ha solo provocato altra rabbia>>. 

Io non voglio arrabbiarmi. Io voglio solo andare avanti. Voglio trovare il mio posto nel mondo. 

Se si potesse avere anche lui non sarebbe male. Grazie. 

9 commenti:

  1. Ti ho trovata per caso... da altri blog... e adesso... inizio a leggere tutti i tuoi post!!!

    RispondiElimina
  2. Tu sei completa, talmente completa che i tuoi pensieri esplodono dalla tua unità e spargono pezzetti di te nella blogosfera (la penso davvero così, anche se forse penserai che io stia esagerando). E il tuo posto nel mondo, come il mio, sono sicura sia da qualche parte...Come in quei giochi per bambini dove devi infilare la formina nell'incastro giusto, è inutile tentare di infilare una stella in un foro cilindrico, no? Ma cercando, cercando...magari finisci in quella dove c'è Oliver Queen ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma.. ma.. grazie *_*
      Se finisco in quella dove c'è Oliver Queen lo capirete perché sarò quella che cammina per strada con due enormi cuori al posto degli occhi ;)

      Elimina
  3. Forse stai imparando a guardarti con gli occhi degli altri che sono meno spietati dei tuoi. Io ti vedo meravigliosa, piena di potenzialità e talento. Il mondo cerca di fregarci a ogni passo ma non demordere. Non facciamolo. Tutte queste prove ci stanno, ti stanno rendendo un essere umano meraviglioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non demordo. Almeno non tutti i giorni :)

      Elimina