Pagine

lunedì 11 gennaio 2016

Mia sorella dice che non ho più timore di Dio.

La rivelazione shock del 2015.
Me la sono meritata un giorno quando ho augurato la morte a qualcuno.
Sì, lo so: la morte non si augura a quasi nessuno ma la verità è che certe persone, in certi momenti, vorresti solo che sparissero non solo dalla tua vita ma dalla faccia del mondo intero. Poi magari ti calmi e gli auguri solo una bella diarrea nella Salerno-Reggio Calabria, nella settimana di rientro di migliaia di italiani, nell'ora di punta.
Il fatto è che a giustificare sempre gli altri mi sono rotta i coglioni.
(Giusto per la cronaca: dico troppe parolacce, dicono).
Gli altri smettono di avere giustificazioni ai miei occhi quando: offendono, minacciano, ledono, danneggiano, feriscono, uccidono, stanno sui coglioni.

Ieri ho cercato su faccia di libro la faccia di cazzo del "titolare" di mio padre (comincio a pensare che la mia famiglia sia maledetta su questo fronte...) che ha avuto la brillante idea di proporre a mio padre quanto segue: <<Se vuoi restare ti devi accontentare di 700 euro al mensile, restando l'unico uomo in scuderia a gestire tra i 7\10 cavalli, altrimenti mi prendo un ragazzino>>.
Il simpatico titolare di mio padre ha 26\27 anni, mio padre ne ha 58 (credo). Mio padre l'ha gentilmente mandato a cacare perché vada bene per i sacrifici ma questo è letteralmente lavorare aggratis, per la bella faccia di culo del ragazzino (che tra l'altro non si presenta neppure a lavorare perché se la sera sta fuori fino alle 4 del mattino può mai presentarsi al lavoro alle 7?!?!).
Questa è stata invece la rivelazione -tragica- del 2016.
Poi quando dico che augurarsi Buon Anno è una presa per il culo grossa quanto credere a Babbo Natale mi dicono che sono cinica e acida (ma quante belle cose che mi dicono...)
Insomma... ho visto la sua faccia di cazzo su facebook, avrei voluto sputargli e auguragli le peggiori cose, tipo essere cornutato dalla fidanzata, l' incontinenza e la calvizia già da domani ma poi ho pensato: magari capisce di avere fatto una stronzata. Magari mio padre s'incazza, cosa molto più probabile e ho lasciato perdere.

Oggi ho meno ansia di ieri (ahahahahaah, sembra una barzelletta vero?) e spero nel domani.
In fondo il mio amico Dantès ha detto di sperare e aspettare.


10 commenti:

  1. Ma quante belle facce di culo che costellano questo tuo periodo! (lo dicono anche a me, che dico troppe parolacce, ma francamente fottesega -giusto per restare in tema)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono tante, milioni di milioni....

      Elimina
  2. Che sfiga, non ci credo. E capisco tantissimo la reazione, sarà che sono cresciuta senza divinità ingombranti.

    RispondiElimina
  3. No ma un vero simaticone bellodipapa' proprio <.<

    RispondiElimina
  4. Guarda, a uno così ne avrei augurate tante pure io! E' proprio vero che certe persone non meritano nè di lavorare (parlo del datore di tuo padre) nè di dettar legge!!

    RispondiElimina
  5. Le parolacce sono un sacrosanto diritto. E che cazzo.
    A uno così non gli puoi mica augurare un unicorno (a meno che il corno non gli finisca su per il... naso? Dicono anche a me che dico troppe "brutte parole")

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahha.. da oggi in poi augurerò unicorni su per il.. naso a tutti xD

      Elimina