Pagine

giovedì 17 dicembre 2015

Forse dovrei solo restare in silenzio

Non so che titolo mettere.
Non so cosa pensare, non so che cosa dire, non so come andrà a finire.
Se nella vita è vero che "chi non risica non rosica", è anche vero che non sempre si apre un portone dopo una porta. Alle volte c'è solo un enorme Sti Cazzi.
Non so come raccontare quello che è successo, di come i miei progetti sono andati a puttane, (e non per causa mia), di come sia io che mia sorella non abbiamo più un lavoro (io già a casa, lei presto), di come la vita và da queste parti.
Che se vuoi lavorare (per una miseria) devi sempre inghiottire il rospo amaro, non hai voce in capitolo, sei sempre in torto, sei una vipera semplicemente perché non parli o perché parli restando in silenzio, "non si fa così" ma appena tu non lo fai è subito "perché non l'hai fatto?".
Funziona così, più o meno.
Funziona allora che te ne vai. Ti prometti che non metterai mai più un piede lì (e sai bene che non cederai mai) ma ti chiedi dove altro metterai i tuoi piedi.
Quanto tempo passerà?
Sarà peggio? 
Succederà di nuovo? 
Mi troverò bene? 
Sarà definitivo o solo, l'ennesimo, lavoro di passaggio?
Ho paura? Cazzo se ne ho.
Ho paura perché siamo in due adesso. Ho paura che succeda il peggio. Ho paura di abbracciare mio padre e scoppiare a piangere.

Ho caricato una nuova immagine sul desktop del computer.
Una nota di speranza, di fiducia, di fede.
Resto in silenzio pensando che magari andrà meglio ma sapendo che andrà soltanto peggio.


13 commenti:

  1. Mi spiace tantissimo, so come ci si sente! Auguro a te e tua sorella di trovarne presto uno migliore.
    Un abbraccione.

    RispondiElimina
  2. Ti capisco benissimo. Sembra di essere invisibili. Sembra di non esistere e poi, un po', lo si comincia a credere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine pensi che qualunque cosa fai o farai non servirà mai ad un cazzo.

      Elimina
  3. E' brutto aver voglia di fare e vedersi chiudere in faccia le porte perchè non si riesce a stare in silenzio così come vogliono....ma non abbatterti Cri!! So che puoi (anzi, potete) farcela alla grande e ti auguro che il nuovo anno (anzi, pure prima!) sia pieno di porte aperte, spalancate, scippate dai cardini! :*
    Non mollare mai :*

    RispondiElimina
  4. Per quel che conta, hai tutta la mia comprensione e il mio sostegno. Anche se non è facile, stay strong!

    RispondiElimina
  5. io alla tua età saltavo i fossi per la lunga...
    poi ho capito che nonostante la buona volontà che ci mettevo
    non ce la potevo fare...
    per non bagnarmi ho dovuto accettare di saltarli di traverso...
    e ho capito che il più delle volte bisogna accettare anche le
    cose che non ci vanno...
    Un abbraccio :-*

    RispondiElimina
  6. A volte sembra di non avere alternative, solo un unico portone chiuso ermeticamente. Ma se non prendiamo l'ascia per abbatterla, che altro potremmo mai fare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quando ti hanno nascosto l'ascia con che cosa la sfondi la porta?
      E quando ti tolgono la forza?
      E' stancante. Molto.

      Elimina