Pagine

lunedì 23 novembre 2015

In fondo sono sempre una Cacciatrice.

Ho ripreso a scrivere.
Un pò di tutto, un pò ovunque.
Sto cercando di riprendermi quello che mi piace. Quei pezzettini di me disseminati tra una canzone, un libro, una frase, un film, un video, una persona, un luogo, un dolce, una ricetta.
Combatto ancora i vampiri, i mostri, i demoni, come li combattevo dieci anni fa quando credevo che una volta finita la battaglia, la pace avrebbe regnato sovrana.
Non è stato così.
C'è sempre un'apocalisse da affrontare, una guerra da combattere.
Vite che si spezzano, vite che ti vengono in soccorso, corse che ti fanno esplodere i polmoni, fango che s'infila tra le scarpe, parole di conforto, parole di dolore, il sole che tramonta, il sole che sorge.
Un altro giorno.
Un'altra battaglia.

Ho ripreso a fare quei sogni assurdi che facevo prima di non avere tempo, prima di addormentarmi appena poggiata la testa sul cuscino, prima del prima.
Domani dovrò uccidere qualcosa e dovrò anche ingoiare un rospo amaro, sembra una presa per il culo questa vita che ti fa perdere la pazienza persino di viverla.
Mi sono sempre detta che sono io quella che si aspetta troppo dalle persone e dalle situazioni.
Non oggi.
Oggi so che una buona fetta del mio sentirmi un pesce fuori l'acqua è dovuto a persone di merda. Che si comportano di merda e ti trattano di merda. Persone che popolano questo mondo.
Posso cambiare il mondo?  No, di certo.
Però posso fare una cosa: sbattere loro in faccia la porta del mio mondo.
Divieto d'accesso, stronzi.
Fuori dai coglioni.
Sarete padroni di tutto il resto, abbasserò la testa alle vostre stupide regole, eseguirò i vostri ordini del cazzo, ma guai a voi ad entrare nel mio mondo, nel mio castello privato.
Ho ripreso a sperare perché, se non lo faccio, penso che potrei ricadere nel baratro della depressione di qualche mese fa.
Devo una chance a me stessa.
Solo per me. Solo per una volta.

10 commenti:

  1. Non possiamo scegliere quello che ci accade, ma possiamo scegliere come reagire e come e quanto le cose ci influenzeranno. Brava Cri. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente! O almeno ci proviamo. <3

      Elimina
  2. Un buon proposito, dopotutto tagliare via i vecchi rami (o escluderli dal tuo mondo) è una cosa saggia e utile^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte è solo necessario per andare avanti, anche per una persona come me che ha grossi problemi a rompere con il passato.

      Elimina
  3. Sei bravissima Cri. Però non mettere muri troppo alti e porte troppo grosse, non rischiare di chiudere fuori le cose belle, le persone buone. Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di non cadere in questo errore. Non è facile, per me.

      Elimina
  4. Mi piace leggerti così risoluta. Vai e spacca i culi! :D

    RispondiElimina