Pagine

lunedì 18 maggio 2015

Di quelli che trovano sempre il pelo nell'uovo.



O dentro il piatto di pasta, che in questo caso, fa lo stesso.
No, dai, avete presente il tipo, giusto? Quelli che siedono al tavolo con voi in sala durante occasioni come matrimoni\comunioni\battesimi \lauree\ e devono sempre analizzare\commentare\giudicare\votare\condannare i piatti delle varie portate.
Ecco, non concordate con me sul fatto che siano davvero insopportabili? Perché va bene un commento a fine serata per promuovere o bocciare il posto, passi anche la valutazione veloce su un piatto particolarmente buono o pessimo ma dare vita a una lezione di cucina che neppure Gordon rompe le palle così diciamo pure di NO.
Generalmente si tratta di quel tipo di donna, madre di famiglia, spesso nonna, che come cucina lei non cucina nessuno. E generalmente, questo dobbiamo ammetterlo, è vero. La sua cucina è buona, molto buona. Ma un conto è la cucina casalinga un conto è quella da sala. Queste donne scrutano ogni piatto come ogni coroner analizza il suo bel cadavere, alla ricerca di indizi, di risposte, di rivelazioni. Solo che nel caso del coroner è legittimo, un dovere, nel caso della Gordon in gonnella di casa nostra un po’ meno.
Che indizi dovrebbe fornire un risotto con erbe e vongole? Perché scrutarlo con occhio sospettoso, sezionarlo e assaggiarlo come se ci fosse il dubbio che quel cibo contenga cianuro? Perché poi manca sempre qualcosa? Che sia sale, zucchero, pepe, peperoncino, bicarbonato (COME DIAVOLO FATE A DIRE CHE MANCA DI BICARBONATO????) c’è sempre qualcosa che lo chef non ha saputo dosare. Magari è solo un pizzico. No, ma voi avete presente quanto sia di consistenza un pizzico? E’ NIENTE. Metterlo o non metterlo non altera in maniera radicale il gusto di un piatto. Sì, forse lo migliora (o lo peggiora a seconda dei casi) ma un pizzico è una cosa minima. E’, quasi, una scena, una finta, la firma di un componimento. Che ci sia o non ci sia non altera il valore del testo.

Ma c’è una razza diversa da quelle delle Gordon in gonnella che è più rara ma molto più pignola ed è quella dei cuochi\chef  che sono invitati e siedono sempre (la sfiga ci perseguita) nel tuo stesso tavolo.
Il cuoco (qui prendiamo in esame quello di genere maschile perché il connubio donna\cuoco penso possa solo mandare in aria tutto il ristorante) non si limitata solo a scomporre e ricomporre il piatto alla sua vista, NO, lui va OLTRE.
Lui giudica gli abbinamenti. Perché dopo quel risotto non può mica andarci quella pasta. No, certo che no. Intanto voi si siete sbafati anche i panini nella cesta del pane.
La decorazione dei piatti è F-O-N-D-A-M-E-N-T-A-L-E, senza questa niente e nessuno merita una stella.
Voi l’unica cosa che notate è la quantità di pasta di vostro cugino che come sempre è molto più abbondante della vostra.
Si lamenta se una pietanza finisce e gli viene negata la possibilità di fare il bis. Quindi parte con un rapido conto dei kg di pasta che andrebbero calati, a cui va aggiunto il condimento, si aggiunge l’altezza, si divide la base e tapete tipiti e un biscotto.
Ovviamente voi avete già fatto il giro dei tavoli, salutato gli altri parenti, fumato una sigaretta, lavato le mani e siete pronti per il secondo.
Il fattore tempo è cruciale. Giusta proporzione nella distruzione delle portate, velocità nel soddisfare le portate, rapidità dei camerieri nel ripulire i tavoli, tutto deve seguire uno schema, il SUO schema.
A voi non importa. Al massimo ve ne andate nel tavolo del cugino antipatico e gli rubate il vino.
Ma la cosa che vi spinge ad abbracciare le tenebre nel vostro cuore ed estrarre il bazooka che tenete nella borsa è la frase:
Appena arrivo a casa scrivo subito una recensione negativa su Tripadvisor
Io la prima cosa che faccio appena rientro a casa e scolarmi una Riopan e buona notte al secchio.

26 commenti:

  1. Mia madre è fra quelle che si mette persino gli occhiali da vista per capire il piatto che sta mangiando (o che mangiano gli altri). Non dice molto, ma vedo che la sua mente macina qualcosa.
    Se sapesse usare Tripadvisor sarebbe la fine XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahaha..
      Almeno tiene tutto per se :D

      Elimina
  2. Oh ma non ci sono solo gli chef o le nonne/zie/mamme che hanno questo comportamento.... ai matrimonio o eventi particolari io odio ancora di più le ragazze (fighette di legno) che criticano chi e come si è vestito, come mangiano gli altri, quanto mangiano gli altri e ovviamente ogni piatto ha qualcosa che non soddisfa le sue esigenze! Ma per piacere, che non sia fare nemmeno un uovo sodo dai su....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelle sono anche peggiori perché parlano solo per muovere la mandibola senza avere manco cognizione di causa. Si sentono delle miss e poi si muovono come le oche ubriache degli Aristogatti...

      Elimina
  3. Oh guarda, come hai ragione e come ti capisco.
    Un "amico" mio e del mio fidanzato è di quelli che criticano sempre tutto. Ed è per questo che cerchiamo di non uscire mai a mangiarci insieme. Ma io dico, stai sereno e goditi la compagnia che campi di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voi siete dei fottuti geni!
      La prossima volta propongo di lasciare a casa mio cognato xD

      Elimina
  4. i miei genitoris ono imbarazzanti, in questo senso, una volta ad un pranzo - fortunatamente eravamo solo noi e non ammorbavamo altri -, sono partiti con una dissertazione sulla differenza fra crema chantilly e crema pasticciera. Poi sono bravissime persone e non rompono sempre, ma certe volte vorrei sprofondare.
    Poi c'è mia nonna, che però è decisamente senile e scusabile, che con l'accento tedeschissimo che non ha mai perso sbraita contro il cameriere: "ach (non posso rendere la parola, è una sorta di puah tedesco), questa roba è cattiva!". Sì, è decisamente senile e non l'avrebbe mai fatto, prima, però io voglio sempre sotterrarmi, quando si comporta così, anche se il più delle volte i camerieri, che la conoscono, non si crucciano più di tanto.
    Baci
    Minerva

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me, tua nonna, metterebbe paura! :)

      Elimina
  5. Può capitare di andare a mangiare in qualche posto e doversi difendere con il sarcasmo a causa del cibo cattivo (vabbè cerco di difendermi qua per le scenate che ho fatto insieme ai miei amici, ma avevamo davvero bisogno di confrontarci per capire cosa avevamo nel piatto e se era previsto dal menu).
    Per fortuna non mi è mai capitato alle cerimonie, ma può darsi che il vino mi abbia estraniata abbastanza da risparmiarmi :D

    (ps: credo di aver letto "Il diavolo nella cattedrale" due anni fa ma non aggiungo altro) ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il segreto è sempre il vino!!!

      (ps: sono quasi all'inizio ma non mi sembra malaccio...)

      Elimina
  6. Io sono già contenta se mi offrono del cibo.
    Cooomunque "qui prendiamo in esame quello di genere maschile perché il connubio donna\cuoco penso possa solo mandare in aria tutto il ristorante": cosa sono 'sti commenti sessisti, eh? Le donne che parlano male del genere femminile sono uno dei motivi per cui nella nostra società i penedotati la fanno ancora da padroni. L'unione fa la forza!
    E basta, la smetto con le tirate femministe. Però, davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah..
      No, nel senso che noi siamo mooolto più critiche quindi probabilmente appena una donna\cuoco inizia a parlare non la finisce più xD

      Elimina
  7. Passi la nonnia rompicoglioni. Ma quando il rompicoglioni e' un uomo che non ha niente altro da fare che criticare. Beh, quello si' che mi darebbe noia. Ma noia noia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prossima volta meglio portarsi dietro gli auricolari!

      Elimina
  8. Ma solo io penso a mangiare e basta? xD

    RispondiElimina
  9. AHSAhshaSHahsh oddio, è vero! Sono insopportabili questi tizi qui tanto quanto quelli che controllano quante cose mangi, con che velocità e quanto vino bevi per mandare giù il boccone! O, peggio ancora, controllano la tua bocca mentre mastichi....ma che c'avranno mai da guardare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oppure ti dico: "Ma non eri a dieta?"
      Cosa da rispondere: "Tu non eri morta?"
      Sono cattiva. Lo so.

      Elimina
  10. Per fortuna non ci sono chef nella mia famiglia ma sì, le persone così sono odiose. Ti rovinano la giornata e il pranzo/cena, tutto per sentirsi chef di fama mondiale in mezzo ad un branco di poveri stolti.
    Io comunque scrivo da anni su Tripadvisor ma non mi sono mai sognata di rompere le palle in questo modo sia ai ristoratori che a chi mi accompagna, anche perchè riconosco la mia ignoranza in materia, una cosa può piacermi o non piacermi, stop. Non è che mi metto lì a contare i granelli di bicarbonato (?!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque vedo che nel blogroll non ti si è aggiornato il mio ultimo post, per caso nel menù mi hai ancora come profumodifollia.blogspot.it ? Se sì il problema è quello e dovresti inserirmi come www.profumodifollia.it :) fammi sapere!

      Elimina
    2. Ma che uno commenta ci sta anche e il fatto che sarà la prima cosa che pensi di fare appena arrivato a casa che mi lascia basita.

      Mmm.. devo controllare. Comunque nella home di blogger i puoi post mi arrivano.

      Elimina
  11. ...meno male che mi accompagno sempre e solo a beceri mangiatori, che fanno anche poco i sofisti, ed anzi, riescono ancora a meravigliarsi... nonostante tutti e tutto!

    RispondiElimina
  12. Bellissima la tua ultima frase ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si perchè era per prendere in giro il tipo della recensione XD

      Elimina