Pagine

giovedì 9 aprile 2015

Oggi, una sola cosa per la testa.

La verità è che me ne voglio andare. 

[Per andare dove?
A fare che cosa?
Con quali soldi?
Da che scappi?
Servirà a qualcosa?
E se non si potesse fare?
E se fosse tutto inutile?
Scusatemi, ma oggi non mi và proprio di starci a pensare]

13 commenti:

  1. Con i "se" non ci facciamo nulla. Eppure dominano ogni nostra scelta.

    E se andasse bene? <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi maledetti "se", sono anche peggiori dei "forse".

      Magari. <3

      Elimina
  2. stò per darti la risposta più banale del mondo ma "ti capisco" e credimi quando dico queste due paroline anche se sò che non ti risolvono nulla.
    L'unico consiglio che posso darti (che è quello che mi dò anch'io) è: se c'è anche solo una piccola cosa che tu possa fare per cambiare la tua situazione falla, anche se l'altra parte di te stessa te lo impedisce per paura o altro. Tu inizia, anche con la paura fottuta addosso e anche se sai che gli inizi sono tutt'altro che facili, e poi da cosa nasce cosa, qualcosa si muoverà invece se stai ferma a pensare cosa fare non si muove nulla e il tempo purtroppo passa. Ora non sò i tuoi problemi ma spero di averti dato un consiglio giusto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo spesso mi sento letteralmente paralizzata dalla paura :(
      Il consiglio è giusto, so che è la cosa migliore da fare e solo che a volte mi perdo dietro ai "se" e poi tutto evapora come l'acqua al sole di luglio.

      Elimina
  3. Credo ti bastino le tue ben sette risposte...
    li almeno dove sei hai una "base", riflettici. :-*

    RispondiElimina
  4. Certi giorni ho esattamente - ESATTAMENTE- i tuoi stessi pensieri. Sono abbonata da sempre ai periodi ipotetici, i se e i forse sono la mia fregatura, temo.

    RispondiElimina
  5. Cito la persona che mi ha ispirato ad andare via:
    Non rimandate la decisione a "tempi migliori", e non dite "lo faccio dopo che ho fatto X", dove X è la laurea, la famiglia, i figli, eccetera. Più mettete radici, più sarà difficile schiodarvi quando lo schifo supererà la vostra soglia di sopportazione.

    Comunque la domanda più importante è: perché te ne vuoi andare? (simile a "da che scappi?") Risolta quella, il luogo dove andare, le risorse, e le altre risposte si trovano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' quello che mi chiedo ogni giorno.
      Ho solo "paura" che scappare non serva.

      Elimina
    2. c'è anche da dire che quella citazione è una forza nel contesto in cui era espressa...

      Elimina