Pagine

mercoledì 25 febbraio 2015

The Best: La teoria del tutto

Avrei voluto andare a vederlo al cinema ma per un motivo e per un altro non sono andata.
Poi sono arrivati Anastasia e Mr.Gray e le sale cinematografiche hanno raccontato solo di loro. Non parlerò affatto di quanto successo abbiano avuto 'sti due con le loro cinquanta sfumature di sesso.che.sembra.tutto.meno.che.sfrenato perché c'è qualcos'altro di cui penso sia meglio parlare.
Perché c'è stato un film che ha fatto successo ma che, certo, se paragonato alla stanza rossa di Mr. Gray, può non esserne all'altezza; il ché è un'offesa mortale, una blasfemia, un peccato di ubris.
Viviamo o non viviamo una società dai dubbi gusti?
Tutto sto preambolo per dirvi che ho visto: La teoria del tutto.



E' l'adattamento cinematografico della biografia, scritta dall'ex-moglie, del fisico, matematico, cosmologo e astrofisico Stephen Hawking,
[SPOILER] Stephen è giovanissimo ed ha appena conosciuto Jane Wilde, studentessa di lettera, quando gli viene diagnosticata una malattia rarissima, l' atrofia muscolare progressiva, che, secondo i dottori, gli permetterà di vivere solo altri due anni.
La vita di Stephen cambia radicalmente: camminare, scrivere, parlare diventano sempre più difficili; solo la sua mente rimane brillante a tal punto che i suoi studi sui buchi neri e sull'inizio dell'universo lo pongono come uno dei migliori studiosi e scienziati di sempre.
E' Jane che si prende cura di lui, sposandolo e restandogli accanto oltre i due anni di vita che la medicina gli aveva preannunciato.
Le condizioni di vita di Stephen peggiorano sempre di più e questo incide anche sulla vita famigliare, sebbene la sua brillante carriera riesca a consentirgli di mantenere una famiglia con tre figli.
I rapporti con Jane, sommersa dalle responsabilità, si raffreddano e dopo un malore che gli nega anche l'uso della parola, Stephen trova la forza di andare avanti grazie all'infermiera Elaine che lo aiuta a esprimersi prima mediante una tavola dell'alfabeto poi trovandogli una macchina elettronica che legge ciò che il fisico scrive su un apposito monitor collegato alla sua sedia rotelle.
Il matrimonio tra Stephen e Jane finisce ma entrambi rimangono amici e in una scena, tra le più belle, Stephen si rivolge a Jane, guardando i loro figli: "Guarda che cosa abbiamo fatto".


Ho pianto dall'inizio alla fine, quasi senza fermarmi, a tal punto che, alla fine, mi bruciavano persino gli occhi.
E' un film che andrebbe visto non solo perché Stephen Hawking merita di essere conosciuto ma anche perché ti cambia il modo di vedere la tua vita e il mondo. 
Lottare sempre, anche quando tutto sembra andare contro di te, quando ti senti schiacciato, quando non vedi via di uscita. 
Stephen è la prova vivente che se gli ostacoli sono troppo grandi da superare e scavalcare basta semplicemente girargli intorno e continuare il proprio cammino.

Stephen Hawking è interpretato da Eddie Redmayne, che grazie a questo ruolo ha vinto l'osarc 2015 come migliore attore protagonista e, a mio avviso, se l'è meritato tutto.

La colonna sonora è bellissima

19 commenti:

  1. Se non lo vinceva lui l'Oscar, nessun altro! Era un ruolo difficilissimo e lo ha interpretato a meraviglia... Diciamo che non mi fiderei di qualcuno che non si è emozionato con questo film. Dietro il grande scienziato c'è davvero un grande uomo...

    RispondiElimina
  2. Ancora non l'ho visto, non trovo mai il tempo per dedicarmici un paio d'ore.
    Belle parole. Cri <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse è meglio aspettare. E' un film per cui bisogna essere pronti emotivamente. <3

      Elimina
  3. io, il tempo per vedere questo film, devo trovarlo, e anche la forza per trascinare le mie amiche innamorate di fantasy e di alieni al cinema.
    Ma ci tengo, sì sì!
    Baci
    Minerva

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io preferisco il fantasy ma questo va assolutissimamente visto! :)

      Elimina
  4. Io speravo di piangere un po' e invece non sono riuscita a versare una sola lacrima. Un bel film, ma decisamente impostato e patinato, lui bravissimo, lei brava ma no mi ha particolarmente entusiasmato. A ogni modo il consiglio è vederlo! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che in questi casi valga anche la disposizione emotiva.
      :)

      Elimina
  5. Ne ho sentito tanto parlare di questo film, tanto e bene!
    Dev'essere una bella storia, se posso vorrei andare anch'io a vederlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che al cinema l'abbiano tolto ma lo streaming serve a questo :D

      Elimina
  6. Non ho letto la parte degli spoiler, perché ho tutta l'intenzione di recuperare prestissimo il film. Ha anche poco senso, immagino, non leggere gli spoiler considerando che qualche ricordo scolastico sulla vita di questo scienziato ce l'ho ancora. Comunque, insomma, lo vedrò senz'altro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti sia piaciuto! *__*

      Elimina
  7. Bellissimo, non ci sono altre parole. Forse avrei preferito qualche parola in più dedicata ai suoi studi e alle sue scoperte, e un po' meno sulle paturnie della moglie, ma resta un film stupendo con un oscar meritatissimo per l'attore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io in effetti, anche se capisco che è un film incentrato sulla figura di Stephen come marito, padre e uomo malato piuttosto che come scienziato. :)

      Elimina
  8. Ok, non l'ho letto il post perche' ho deciso di vederlo :D :D :D

    RispondiElimina