Pagine

sabato 13 dicembre 2014

Vorrei poter fare la cosa più giusta.

Non mi riconosco in questa società, in questa massa di uomini e donne egoisti, ciechi e superficiali.
Non mi riconosco nella mia generazione. Non mi riconosco nella mia età.
Alle volte vorrei che anche uno solo dei miei "supereroi" esistesse per farla pagare a chi non si rende conto che con le sue parole o i suoi modi di fare pugnala al cuore chi, invece, è solo troppo buono e troppo ingenuo per difendersi.
Per una sola volta vorrei vedere saltare fuori dallo schermo un Arrow o un Winchester per prende a pugni chi si crede migliore degli altri, chi fa il finto amico per poi sfruttarti e deriderti alle spalle.
Vorrei vedere la paura nei loro occhi, il dolore nelle loro ossa.
Vorrei vederli implorare pietà.
Vorrei che si sentissero persi anche solo la metà di chi ogni giorno combatte contro le proprie paranoie, la propria solitudine e il bullismo di quattro minchioni che si sentono Dio solo perché dicono le parolacce a voce alta.
Vorrei poterli sputtanare in modo plateale, dare loro pubblicamente delle teste di minchia ma siccome sono una vile del cazzo scrivo questo post qui perché, semplicemente, non ho le palle per superare tutte quelle fisime mentali del "non posso scrivere nulla, quello è mio cognato, poi mi rompe le palle e tutti pensano che sono una cacacazzi, la tromba amica del tizio (che manco conosco per l'inciso) o chissà che porcata".
Sono una codarda, altro che cacciatrice, e mi nascondo qua, anche se ho il cuore a pezzi, perché alle volte non riesco a fare altro che questo.

27 commenti:

  1. Forse, Cri, dovresti solo fregartene. Fai in modo che la cosa ti tocchi sempre meno...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, Moz ha ragione.
      Ah, se insieme ad Arrow viene anche Roy, chiamami ;D

      Elimina
    2. @tutti: volevo precisare che la vicenda in questione non tocca me come persona. Non sono io la "vittima".
      Non so se si era capito...

      @Misantrophia: Ci sto! Io con il verde, tu con il rosso :D
      @Moz: Hai ragione ma ci sono sere che non riesco a spegnere il cervello.

      Elimina
  2. Cri, per una volta Moz ha ragione.
    Devi fregartene, imparare a "staccare il cervello" quando iniziano a dirti qualcosa di pesante e sorridere.
    Sorridere sempre. Con fare sarcastico e lo sguardo pieno di pietà verso colui/colei/coloro che non sanno fare altro nella propria vita se non rompere le palle a persone migliori di loro.
    So che può sembrare difficile ed effettivamente lo è le prime volte, ma una volta imparato a "staccare il cervello" ci si risparmia gastriti, depressione e sensi di impotenza ;)
    E per staccare ben bene il cervello prova a immaginare un Arrow mezzo nudo che ti offre un arancino al Salsimone! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente se avessi davanti un Arrow mezzo nudo non riuscirei mai e poi mai a capire cosa mi offre....
      escluso il suo corpo, s'intende :D

      Elimina
  3. Non sei l'unica che preferisce scrivere piuttosto che prendere di petto la gente e non è così sbagliato. Magari non vale la pena di arrabbiarsi con questa gente. Fatteli scivolare addosso, anche se è più facile a dirsi che a farsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti mi mancava scrivere così di getto :)

      Elimina
  4. Fregatene, è l'unico modo.
    Basta che a furia di fregartene non diventi come loro, ecco, perché questo sarebbe profondamente sbagliato, e lo sai.
    Non sei l'unica che nella propria generazione non si rispecchia affatto. A volte, in classe, guardo i miei compagni, il professore che si arrabatta nel tentativo di fare lezione nella maniera più coinvolgente possibile, mentre loro lo guardano con supponenza, come se, ormai, avessero imparato tutto dalla vita. E li prenderei a sberle uno per uno, e scuoterei il docente chiedendogli, urlando, perché non la smeette, che tanto qui non lo ascolta nessuno...
    Quindi lo capisco, il tuo malessere, credimi. E scrivi, scrivi e sfogati, perché è l'unico modo perché tu non perda le tue idee.
    Baci
    Minerva


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Succedeva anche a me in classe.
      C'era la mia prof. d'inglese che, poveretta, faceva di tutto per farsi ascoltare ma con scarsissimi risultati. E anch'io avevo istinti omicidi sia per i miei compagni sia per la docente.
      E persino allora mi sentivo un pesce fuori l'acqua.

      Elimina
  5. Io penso che per quanto dura e difficile possa essere, dobbiamo imparare ad essere noi i nostri Winchester. Ad alzarci in piedi quando vediamo qualcosa di ingiusto. Anche se un Dean che mi salta fuori dallo schermo lo accoglierei volentieri! Non è facile eh… ma si può provarci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione. Dobbiamo essere noi i nostri Wincheseter. Per noi, e chi lo sa, anche per gli altri.

      Elimina
  6. Io, personalmente, ho perso la speranza.
    Non sono la migliore motivatrice.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho persa anch'io. Per questo scrivo che vorrei che i supereroi esistessero per davvero. Perchè mi rendo conto che dall'uomo comune non posso aspettarmi molto, poi se si parla di ragazzini ancora peggio...
      E mi chiedo cosa ne sarà di noi tra una decina di anni..

      Elimina
  7. Quello che i supereroi di solito insegnano è che bisogna credere soprattutto in noi stessi e nelle nostre azioni. Un potere è nulla senza sapere realmente chi siamo. Capita a tutti di preferire nascondersi che affrontare e, in tutta onestà, non ti consiglierei nemmeno il contrario. Il coraggio non è nell'affrontarli a muso duro, ma rialzarsi ogni volta che si cade, trovare una luce anche nel giorno più buio, sapere dimostrare la propria forma di resistenza a chi crede di essere padrone di tutto e invece non è niente. A tutti fa bene raccogliersi in un angolo a riflettere e magari crogiolarsi nel proprio dolore o nella tristezza. Poi ci si rialza e si ritorna alla realtà, come ogni supereroe che si rispetti. Forza super Cristina! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un pò come quando Barry capisce che è meglio scappare che combattere, che non è quello il momento opportuno.. e che non c'è nulla di male in questo ;)

      Elimina
  8. Caspio,
    decido di fare un salto qui e... cosa trovo?
    Cri? ma che mi combini?
    Premesso che i commenti sopra sono unanimi e la cosa fa' piacere anche se farebbe più piacere se il mondo fosse diverso ma....
    e se anche tu potessi sputtanare quelle persone cosa penseresti di ottenere?
    Non pensi che la strada più facile, se non ovvia e più alla tua portata, sarebbe quella di ignorare certi elementi, certi comportamenti, certe "provocazioni"?
    Non per niente i supereroi non esistono...
    Parliamone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne abbiamo parlato =D
      chiarito ;-)
      vai Wonder Woman e castiga ^_^

      Elimina
    2. Intanto non so se vorrei essere proprio Wonder Woman.. su questo sto ancora meditando.
      Per il resto, non credo che ci sarà altro modo per "fare la differenza".
      Poi le vie del signore sono infinite, no? :D

      Elimina
  9. Ricordati mia Cri che siamo tutti sulla stessa barca e mi pare di capire che qui dentro sanno tutti quello che stai dicendo :-*
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  10. E fallo, tanto peggio di così non può andare, no?

    RispondiElimina
  11. O te ne freghi o diventi l'eroe che vorresti.

    RispondiElimina
  12. Meglio cacacazzi che lo zimbello della situazione. Capisco eccome la sensazione di impotenza, soprattutto se le cose che ci colpiscono più malamente sono quelle proferite dalla famiglia. All'inizio facevo finta di niente, mi tenevo tutto dentro e, come te, desideravo Dean Winchester fuori dalla tv a fare il giustiziere. Ma nessuno può agire al posto tuo. Adesso o rispondo a tono oppure li degno di un'espressione di pietà come per dire "Ma non ti fai schifo da solo?".
    Non ti abbassare al loro livello, sei grande così.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque lo ripeto... non sono la vittima.
      E' un altro ragazzo. Una persona che io non conosco ma ho avuto modo di sapere che viene spesso "bersagliato". E leggendo qualcosa su facebook, la cosa mi ha dato fastidio.
      Forse perchè a noi piccoli sfigati è successo qualcosa di simile.
      Avrei voluto "agire" perché se qualcuno l'avesse fatto per me l'avrei apprezzato molto. Tutto qui!

      @Maya: ti abbraccio anch'io. :D

      Elimina
    2. Noi sfigati a quanto pare siamo molto empatici e molto comprensivi :P
      Non avevo capito che ti riferissi ad un'altra persona, ma comunque mi sarei indignata lo stesso, semplicemente per principio. Lottare contro certi "individui" (non volevo essere volgare) a volte è come lottare contro i mulini a vento: ti puoi fare male, ma ogni tanto un muro lo rompi ;)

      Elimina