Pagine

mercoledì 15 ottobre 2014

La saga di Malaussène # 2 #

Me ne mancavano tre.
Tre libri per concludere la saga di Malaussène di Daniel Pennac. (La prima parte la trovate qui).
Tre libri per capire che se dovessi scegliere un libro in cui vivere sarebbe uno di questi.
In successione: Signor Malaussène, La passione secondo Thèrése, Ultime notizie dalla famiglia.

E solo adesso posso affermare con estrema convinzione che il migliore tra tutti è Signor Malaussène. Perché? Perché succede di tutto.
Succede che Belleville è assediata dagli ufficiali giudiziari. Che uno di questi, Six la Neve, la notte si trasforma in un alternativo Robin Wood.
Che c'è qualcuno inizia a uccidere le puttane pentite di Gervaise.
Che si presenta l'occasione di proiettare allo storico cinema Zèbre, il Film Unico.
Che Ben e Julie aspettano un bambino. Un bambino che però nasce da Gervaise.
Che qualcuno cerca di incastrare (chissà la novità..) il povero Ben di una serie di altri delitti.
Che la tribù è sempre... la tribù.
Che si si diverte, ci si commuove, ci si arrabbia, ci si chiede come sia possibile, cosa sta succedendo, ommioddio.non.può.essere, ci si innamori ancora una volta di Ben, di Julie, di Clara, di Thèrése, di Jèrèmy, de Il Piccolo, di Verdun, di E' Un Angelo e di tutti gli altri che verranno.

Ultime notizie dalla famiglia è quello che mi ha colpito di meno. La prima parte è un monologo alla paternità con brani tratti direttamente dal quarto capitolo di questa saga; mentre la seconda è un breve racconto della storia del padre de Il Piccolo.

Probabilmente chi non ha letto i libri si domanderà: ma che diavoleria è mai questa?
Lo so, lo so, vi capisco. Non si capisce un cazzo. Ma se avete un pò di fiducia in me e siete un pò curiosi, alla prima occasione, comprate il primo romanzo e leggete. Leggete, leggete, leggete.
Chi ha letto, invece, già libri metta tanti cuori per il nostro Daniel <3


<<Le prime conversazioni dell'amore assomigliano agli omogeneizzati dei bambini. Non importano gli ingredienti, tanto è di altro che si parla. L'amore sfida le leggi della dietetica, si nutre di tutto e un niente lo nutre. Si son viste autentiche passioni nascere da conversazioni così povere di proteine da reggersi a stento in piedi>>.
(Signor Malaussène, D. Pennac)

7 commenti:

  1. basta.
    mi devo convincere.
    devo leggere Pennac!

    RispondiElimina
  2. un po' di sana autostima non guasta ^_^

    RispondiElimina
  3. Non sto leggendo il tuo post, ho la saga fra le cose da leggere e non voglio rischiare spoiler.

    RispondiElimina
  4. Signor Malaussene è anche il mio preferito... sono contenta la saga ti sia piaciuta!

    RispondiElimina