Pagine

venerdì 1 agosto 2014

Ne è valsa la pena: Luglio 2014

E' successo così.
Ho letto un articolo scritto da lei e mi sono innamorata a tal punto delle sue parole che ho pensato che dovevo comunicarle ad altri. 
Ho pensato così di creare una specie di rubrica sulle cose che sono valse la pena leggere nell'ultimo periodo. Ma perché non estendere la cosa a tutto quello che è mi è piaciuto? Magari mese per mese o periodo per periodo? Mi sono detta che sì, lo potevo fare.
Devo pure compensare la scomparsa -a breve- di rubriche come Le Perle del Titolare e La clientela che scassa il cazzo (sono ad un passo dalla disoccupazione). 
Bene, le premesse sono state fatte, siete stati avvisati, se volete potete uscire dal post questo è il momento giusto per farlo. Come dite? Vi sentite stoici e volete andare fino in fondo? Ah, quanto mi rendete fieri, voi piccoli alleati cacciatori!


Musica nelle orecchie:
Già da un po' uso Spotify non solo sul cellulare ma anche su pc e devo dire che me ne sono innamorata. Ma la scoperta di questo mese è stata una playlist -che penso comunque di modificare prossimamente, se non altro perché odio che venga sempre cambiato l'ordine delle canzoni - Have a Great Day! 
Mi ha saputo dare il buon umore in giorni abbastanza brutti, in cui mi sentivo come un budino mal riuscito che si affloscia in maniera vergognosa. 
Ho così (ri)scoperto canzoni come Dancing Queen degli Abba e Wouldn't It Be Nice dei The Beach Boys.


Con gli altri:
Dopo una serie di bevute fuori e aperitivi, io e SuperSimo ci siamo date appuntamento per una colazione nel nostro bar preferito. Questa volta ci siamo messe comode all'interno senza doverci occupare dello sbattimento di prendere le cose e portarcele da noi.


E devo dire che è stato alquanto appagante. 
Non solo per il ben di Dio che ci siamo pappate s'intende. Ci sono momenti che quattro chiacchiere con lei (e con Chià -a cui devo trovare un soprannome- quando ci raggiunge tra un esame e l'altro) riescono a farmi stare meglio. E la mia dose di autostima settimanale.

Adottare un libro:
Perché chi ama i libri non si limita solo a comprarli ma li adotta. Li tratta come figli. Li ama. 
Da tempo volevo adottarne uno nuovo di Baricco, autore che ho scoperto ed amato grazie a All'aria e così è arrivato lui: 


Leggere di me altrove: 
Stavo per piangere a fine lettura. Mai provata una cosa del genere. Non fino a questo punto.
Qualcuno di voi la conosce già, è la Marianna di Cose che non esistono che fa parte del entourage di Inutile e che ha scritto Guida alla morte per ragazze per bene.

"[...] Ecco, la morte. Ciao. Una volta vicina è sempre uguale e sempre peculiare, come tutto il resto, come mi ha insegnato mia madre, come mia madre. Uno può riunirsi una sera con gli amici e fare a gara sulla morte peggiore ma la sostanza è quella, e alla fine vinci un cadavere che già ti apparteneva, e comunque fare a gara non è elegante.
Tutto considerato si tratta di un evento piuttosto privo di poesia. Smetti di fare una cosa che avevi iniziato a fare per caso. Parecchie firme. Consistenti trasferimenti di denaro. Nel mezzo un corpo e la sensazione che, nonostante l’evidenza e la banalità, stia succedendo qualcosa di importante. La ragazza per bene saprà sfruttare gli ampi margini di manovra.
Vuoi tenere la mano alla Persona che Muore? Tienigliela.
O fingere che non stia succedendo nulla, o analizzare il decorso della malattia, o parlarle come a un bambino, o come se non fosse malata, o piangere, o stare più asciutta del deserto californiano, e poi vestirti di rosso al funerale, ma anche rimanere a casa con le repliche di Una mamma per amica e nasconderti alla furia dei Quattro Cavalieri mentre i parenti procedono alla sepoltura, oppure vuoi optare per la cremazione – le persone grasse ci impiegano di più a bruciare, ti spiegheranno: c’è stato tempo a sufficienza per dimagrire, risponderai – e starai poggiata al cofano dell’auto per ore, pensando a una serie di dettagli assolutamente inadeguati alla solennità del momento – potresti addirittura sfiorarti il ginocchio liscissimo che sporge dall’orlo della gonna o calcolare quanto devono aspettare quelli in fila prima di te solo in base alla foto dell’uomo robusto che continuano a passarsi l’un l’altro – e d’un tratto ti ritroveresti in autostrada a spargere le ceneri, o al parco, ma non in mare perché non sapeva nuotare. Vuoi avere il ricordo più recente possibile della Persona che è Morta anche se significa vedere i tubi e i lividi e il materasso sporco e gli occhi che ti guardano e non ti vedono e quelle stramberie di chi inizia stufarsi e andarsene via. Vuoi avere il ricordo più lontano, magari solo una settimana prima, quando ti faceva ridere o innervosire e la mandavi affanculo e lei ti rispondeva con una bestemmia creativa: è tutto ok.
Ė tutto ok.
Il Gran Trapasso è lì, sei arrivata al traguardo, puoi toccarlo con le dita e farci quello che vuoi e, se ti sarai preparata con attenzione, dopo un po’ ti sarà alle spalle e ti prometto che nessuno si farà male."

13 commenti:

  1. Marianna io la amo. Lei lo sa. E ora lo sanno tutti.

    Quella colazione *_*

    RispondiElimina
  2. A me gli Abba fanno venir tristezza, boh! Per le brutte giornate di solito mi curo a Iron Maiden e Offspring

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Degli Iron Maiden ho un album su Spotify ma se devo scegliere qualcosa di "forte" preferisco i cari e vecchi AC\DC :D

      Elimina
    2. AC/DC quando guidi veloce è una goduria!

      Elimina
    3. ma io non so guidare! ahahahah. Li ascolto e canto mentre faccio le pulizie :D

      Elimina
    4. Le pulizie senza musica sono noia assoluta!

      Elimina
  3. Novecento è uno di quei libri che ti fregano in pieno. Dici: ho visto prima il film (lo hanno mandato un milione e mezzo di volte per tv), di sicuro il libro mi piacerà di meno... E invece no! Ti ritrovi a piagnucolare al finale come uno zitello emotivo, sempre, ogni volta!
    Complimenti per il blog (nuovo follower). :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto Benvenuto!! :)
      E poi, sì, il libro mi è piaciuto molto. Mi sono ritrovata in molte cose. A presto pubblicherò la parte, a mio avviso, più bella.
      :)

      Elimina
  4. Risposte
    1. Tanti sorrisi per Novecento! :D :D :D

      Elimina
  5. Mi spiace per la disoccupazione :(

    Fare una lista delle cose belle è una grande idea, dovrei farlo pure io che sono sempre negativa e nevrotica (ma mi sa che la farò in privato). Grazie mille dell'idea!

    RispondiElimina