Pagine

lunedì 13 gennaio 2014

Book: Se una notte d'inverno un viaggiatore

Scusi Signor Calvino se l’ho fatta aspettare. Ma sa, ci sono momenti nella vita di un lettore che di leggere proprio non si ha la voglia. Anche se il libro appena iniziato ha tutte le carte in regola per essere un bel libro.
Poi, se il libro in questione parla, attraverso una trama che si interseca in maniera spettacolare, del Lettore (e quindi di me, di voi, degli altri) e della Letteratura, ha quel qualcosa di nuovo che ti affascina da morire.
In fondo è la prima volta che leggo un libro in cui si parla di libri.
Quindi le chiedo perdono se l’ho lasciata prendere polvere per quasi due mesi e mezzo.
Però adesso posso dire che lei è un genio e che mi piace.


<<Non che t’aspetti qualcosa di particolare da questo libro in particolare. Sei uno che per principio non s’aspetta più niente da niente. Ci sono tanti, più giovani di te o meno giovani, che vivono in attesa d’esperienze straordinarie; dai libri, dalle persone, dai viaggi, dagli avvenimenti, da quello che il domani tiene in serbo. Tu no. Tu sai che il meglio che ci si può aspettare è di evitare il peggio. Questa è la conclusione a cui sei arrivato, nella vita personale come nelle questioni generali e addirittura mondiali. E coi libri? Ecco, proprio perché lo hai escluso in ogni altro campo, credi che sia giusto concedersi ancora questo  piacere giovanile dell’aspettativa in un settore ben circoscritto come quello dei libri, dove può andarti male o andarti bene, ma il rischio della delusione non è grave.>>

(Italo Calvino)

18 commenti:

  1. Bellissimo libro! Anzi, adesso me lo rileggo pure XD

    Vale A

    RispondiElimina
  2. Concordo e, se non li hai letti, ti consiglio caldamente (anzi, bollentemente) i racconti de Le Cosmicomiche e ancor di più quelli di Ti con Zero.
    Meravigliosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li aggiungo alla lista dei libri da comprare!

      Elimina
  3. ehi, ma qui c'e' un calvino fan club! :-)

    RispondiElimina
  4. Anche a me è piaciuto un sacco. Mi mancano un po'di suoi romanzi, per ora il mio preferito è il cavaliere inesistente, mentre non mi è piaciuta per niente la raccolta "gli amori difficili"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho letto solo questo ed Il Cavaliere inesistente che voglio rileggere.

      Elimina
  5. Io ho una storia d'amore infinita con Calvino <3

    RispondiElimina
  6. Un giorno capirò perché gli aggiornamenti dei tuoi post mi arrivano tre giorni dopo. Comunque.

    Ricordo con tanta noia le ore di narrativa alle medie, quando c'era da leggere "Il barone rampante". Non mi piaceva per niente. Poi nell'estate tra il primo e il secondo liceo per compito dovevamo leggere tutta la trilogia. Ricordo che sul cavaliere inesistente credevo di morire. Poi finalmente è arrivato un libro di Calvino che mi è piaciuto: Il sentiero dei nidi di ragno. Poi basta. A scuola non ci siamo arrivati, la mia nausea per lui era così nota che mi prendevano in giro dicendo che sarebbe come minimo uscito alla maturità.
    Comunque ero piccola. Dall'ultima volta che ho toccato con mano Calvino sono passati quasi dieci anni, quindi credo che potrei anche riprovarci. Anzi, voglio proprio rileggerlo, perché secondo me non c'ho capito proprio niente! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io voglio leggere la trilogia. Ho solo letto Il cavaliere inesistente al liceo ma mi piacque. Poi comunque i gusti sono gusti...magari a te non dice nulla :)

      Elimina
  7. Ho praticamente letto tutto, di Calvino. Uno dei miei autori preferiti; credo che i suoi "Il castello dei destini incrociati" e "Le città invisibili" siano capolavori che dicono qualcosa di nuovo ad ogni rilettura!!!

    RispondiElimina