Pagine

martedì 28 gennaio 2014

Quando pensi che Dio esiste scopri altro.

Lunedi. Ore 15.58 circa. Piove.
Arrivo davanti al negozio, ancora chiuso, ed aspetto.
Parte Carry on my wayward son.. la mia suoneria. E’ titolare.
“Pronto.”
“Pronto, Cristina?”
“Si, dimmi.”
“Vedi che ritardo.”
“Va bene.”
“Ok.”
“Ok. Ciao.”
“Ciao.”

Continuo ad aspettare.
Ore 16.02. Nuova chiamata. Carry on my wayward son.
“Dimmi.”
“Ce n’è nessuno?” chiede.
Mi guardo intorno. A parte me neanche un cane o un gatto. Solo pioggia.
“Nessuno.”
“Va beh, vattene a casa Cristina.”
Ho sentito bene?
“E’successo qualcosa? Sei sicuro?”
“No, sono dal pediatra…non so che tempo perdo quindi vai a casa.”
“Va bene… se hai bisogno chiama.” (Pensando al fatto che magari se c’era troppa gente –praticamente un sogno- poteva chiamarmi per scendere.)
“Ciao.”
“Ciao.”

Dio esiste, esiste eccome!

Sotto la pioggia, saltellando, torno a casa. Penso a quale film guardare. Penso che mi metterò sotto le coperte. Chiamo mia sorella per farla rosicare. Decido di passare al supermercato per comprare la crema di nocciole bicolore per fare i biscotti della Mareva.
Sono là che mi aggiro tra gli scaffali del supermercato, non sono neanche passati dieci minuti dall’ultima chiamata che, improvvisamente, di nuovo:  Carry on my wayward son.
“Pronto.”
“Cri, ora puoi scendere.”
Ma scendere da dove esattamente??
“Ah.”
“Io sono per strada, tra dieci minuti arrivo.”
“Eh. Io tra mezz’ora arrivo”
Il tempo di pagare me lo deve pure dare.
“Ah. Va bene. Ciao.”
Sconsolata torno al lavoro.

Dio esiste, amici, esiste. Solo che è un burlone!

In compenso stamattina ho fatto i biscotti e sono venuti buonissimi!

(Andare su instagram per vedere!)

29 commenti:

  1. Ecco. Quando è così rosichi il doppio.

    RispondiElimina
  2. Madonna che pugno in faccia. Come distruggere la felicità e la speranza in una telefonata di cinque secondi.

    Felice per i biscotti!

    RispondiElimina
  3. Io avrei risposto

    SONO IN UN TUNNEL NON TI SENTO

    stile Servillo.

    RispondiElimina
  4. no scusa ma non capisco:
    ti chiama e ti dice di andare a casa e poi dopo dieci minuti nemmeno ti chiama e ti dice di... ritornare al negozio? O_O
    per me lo ha fatto apposta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Apposta no. Ma ha fatto la cosa senza pensare a nulla, questo si.

      Elimina
  5. Per dirla come in un film: Dio, che simpatico guardone.
    Ma almeno i biscotti erano buoni, io boh, rosico :D

    RispondiElimina
  6. Nooo, che cosa frustrante! Almeno però hai fatto i biscotti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho trovato il modo di consolarmi :)

      Elimina
  7. ahahah che tristezza odio quando succedono ste cose "-.-

    RispondiElimina
  8. Coraggio, il destino ha un ottimo senso dell'umorismo...
    vogliamo la ricetta dei biscotti! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facile:
      1 uovo
      160 g di farina
      180 g di crema di nocciola (nera per i biscotti scuri, bianca per quelli chiari)
      Impastare, fare palline un pò schiacciate e in forno per 10 minuti a 180°.
      Poi è amore! :)

      Elimina
    2. "fare palline un pò schiacciate" fa' un po' senso =D

      Elimina
  9. Ennò eh, prima di dire che i biscotti sono buoni necessita assaggio!!

    RispondiElimina
  10. Criiiiiiiiiiiiiii sono pronti i biscotti?? Vengo su? Porto il tè?

    RispondiElimina
  11. Quei biscotti li ho visti e li voglio fare anch'io! C'erano dubbi? ;)
    Se non altro almeno hai comprato la finta nutella bicolor!

    RispondiElimina