Pagine

sabato 28 dicembre 2013

Rendiamoci conto che un altro anno è passato. 2013.

Generalmente questi sono giorni di bilanci e di progetti per il futuro. 
Magari ci ripromettiamo sempre le stesse cose nella speranza di essere in grado di realizzarne almeno una all'anno nuovo. Come quando per anni ho espresso lo stesso desiderio quando soffiavo le candeline sulla torta il giorno del mio compleanno, pensando che quella poteva essere l'occasione giusta.  Poi ho capito che era una minchiata e adesso ho smesso. 
Non credo alla favola dell’ anno nuovo vita nuova né al speriamo sia un anno migliore. Migliore per chi? Mi viene da dire. Se fosse migliore per tutti sulla terra scoppierebbe il caos. Che poi non è l’anno in sé che decide, signori miei. Mica il Signor Tempo decide di fare lo stronzo nel 2014 anziché il bravo. Le cose accadono e basta. A volte siamo responsabili, a volte complici, a volte solo vittime. Ma va bene, fa parte del gioco, del nostro essere umani e imperfetti, fa parte della vita.

Ma veniamo a questo 2013.
Cosa è successo?

11.01: Incontro all'aria e passiamo due giorni insieme. Ridiamo, parliamo, parliamo, facciamo qualche fotografia (che ancora non ho!), ridiamo di nuovo.  
27.01: Compro il mio nuovo cellulare, che compensa la perdita del mio vecchissimo computer, e passo da tim a tre.
06.02: Organizziamo festa di compleanno per papà (ma lui aveva già capito tutto).
18.02: “Non sono nato acido. E’ la gente di merda che mi ha cambiato il ph” (A. Pinna).
20.02: Titolare mi chiama per scendere a lavorare anche la mattina. Iniziano gli sconti del 50%.
07.03: Dopo una lunga sofferenza, prenoto il volo per Milano. (Vedi anche QUI)
14.03: Comincia ufficialmente il conto alla rovescia per Milano. Si parte da -40 giorni.
17.03: E’ il mio compleanno. Ma sto male e non festeggio un cazzo.
1.04: Incontro velocissimo, il tempo di un gelato, con hottanta.
18.04: Improvvisamente mi viene un ciclo troppo abbondante del tipo che penso che sto morendo e vado dal ginecologo. E’ tutto nella norma.
19-20.04: Inizio e finisco Le intermittenze della morte di J.Saramgo che eleggo libro dell’anno.
23.04: Parto per Milano. Il cielo è sereno, gli uccellini cantano, l’amore è ovunque ed io incontro la mia amata.
24.04-01.05: Me la spasso a Milano.
01.05: Ritorno a Palermo.
22.05: “Tre anni. E il Triplette, voi, non saprete mai cosa è. Nella gioia e nel dolore, Inter sei il mio unico amore. Amala sempre!” (twitter)
27.05: Io, la signorina K. e papà restiamo ipnotizzati dal finale della 1stagione di Arrow (in italiano). (Vedi anche QUI)
22.06: “Quando Dio distribuiva la capacità di divertirsi nei week end, io stavo guardando un telefilm in streaming” (twitter)
11.07: “La felicità vera è un fatto privato”. (Mareva)
24.07: E’ il mio onomastico ma non lo ricorda quasi nessuno. A momenti neppure io.
01.08: Inizia Agosto. Si salvi chi può.
09.08: Faccio il mio primo bagno. E’ anche l’ultimo.
15.08: “Stasera tutti a fare il falò sulla spiaggia. Se vi capita, a mezzanotte, fate un tuffo anche per me. Nel falò”. (Queenzit)
25.08: Riparte il campionato. L’Inter vince 2 a 0 con il Genoa, nell’anticipo di sabato sera “Toni e fulmini sul Milan” che perde 2 a 1 contro il Verona.
28.08: Passano quattro anni. E sembra ieri. E sembra tanto tempo.
02.09: Comincia la svendita al negozio. Per due settimane faccio full-time.
13.09: Si sposa Priorità. Questa volta è quella buona.
27.09: “Non passa giorno senza che nasca in me la voglia di prendere a sprangate sui denti qualcuno. Sono un tantino suscettibile, tutto qui.” (twitter)
08.10: Figlioccia compie anno.
11.10: “Sono fatta così. Un giorno rido e l’altro piango. Mi incazzo per nulla. Sono acida. Odio tutti. Vi ho sui coglioni. Ma tu non andare via. Tu rimani. Tu amami”. (facebook)
01.11: Comincio a leggere un libro che ancora non ho finito. E’ il mese dell’apatia totale.
09.12: Vado al cinema a vedere Hunger Game: La ragazza di fuoco
16.12: Lavoro anche la mattina (tranne martedì e giovedì).
22.12: Derby di Milano. Vinciamo noi.
25.12: Natale.
29.12: Scrivo questo post.

Insomma …un anno di quasi totale apatia.
Ma ho pensato molto. Mi sono auto-analizzata. Che posso essere brava a fingere con gli altri ma io la SO la verità.
Così mi sono autocondannata. Ho fatto il mea culpa. Ma ho saputo anche perdonarmi.
Ho sperimentato l’invidia e la gelosia. Che lo so che non è bello ma affermare che non sappia cosa vogliano dire sarebbe ipocrita, che è anche peggio.
Mi sono detta che devo sforzarmi di vedere un futuro. Che devo pensare a me. Devo fare crollare la timidezza e la paura. Devo provare a stare tra la gente. Che non devo più sentirmi morire dentro.
Mi sono anche rimangiata parte dei pensieri scritti prima. Viva la Coerenza.
Ho capito che devo rischiare di più. Espormi. Non avere paura del cambiamento.
Devo lottare, sono o non sono una Cacciatrice?


In fine, io non mi auguro che il prossimo anno sia migliore. Io mi auguro di essere felice. Poi il resto che vada a fanculo. 

26 commenti:

  1. Grazie per la citazione <3 Quale onore <3
    E tutto sommato, alla fine, ci sembra di non fare mai nulla ma le emozioni intense (oltre al ciclo) non sono mancate. E questo conta, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccerto. Conta molto.
      La mia agenda è piena delle vostre citazioni <3

      Elimina
  2. Ti stimo perchè riesci a ricordarti un botto di cose.
    E comunque non è andato così malaccio come anno, dai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho un'amica e si chiama agenda. Mi aiuta lei :)

      Elimina
  3. Gli anni apatici servono a tirare le somme quindi non preoccuparti;nel 2014 saprai già come esser felice anche quando il mondo non manda segnali interessanti!
    Certo,se magari riuscissi a imparare a dire arancinI e non arancinE saresti più serena :P
    Scherzo:P Alla fin fine chiamiamoli come vogliamo,tanto son sempre palle di riso fritto con dentro kg di sugo :P
    Buon Anno Cri :*


    P.s. posso usare la frase:
    "Non sono nato acido. E’ la gente di merda che mi ha cambiato il ph” ??
    E' bellissima *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La frase non è manco mia per cui...serviti pure!

      Eh...ma da noi le arancinE sono anche al burro, agli spinaci, al pollo, al salmone.. (e cosi via) xD

      Elimina
  4. Se non si può cambiare il mondo si può almeno provare a cambiare noi.
    Forza, Cri!!!

    RispondiElimina
  5. 'sta cosa dell'agenda dovrei farla anche io, per sopperire alla mia mancanza di memoria in quanto date...
    Forse dovremmo smetterla di riflettere su ogni cosa (o almeno ridurre). Imparare ad amare l'imprevisto, l'agire d'istinto. Sarà il tuo anno, se decidi che lo sia ^^

    RispondiElimina
  6. Il mio blog ha appena compiuto il primo anno e non so ancora che diavolo scrivere per l'occasione, anche per chiudere l'anno in bellezza. Mi sa che provo a ricordarmi le minchiate dell'anno e le scrivo come hai fatto tu e come dice Mareva, non ci sembra di fare niente ma alla fine...

    O forse faccio due post. Boh.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto: Auguri in ritardo :D
      E vai con i due post!

      Elimina
  7. Speriamo che questo anno apatico, nel mio caso potrei usare tranquillamente il plurale, porti qualche risultato nel 2014. Gli anni pari mi piacciono di più.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  8. Cri appoggio la mozione citata nel mio commento. Hai ragionissima! :DDD
    Però sai com'è.
    Speriamo che l'anno che arriva porti solo cose buone,accettiamo una minuscola ma proprio mini mini dose di cose cattivone :c

    Bacioosi ♡

    RispondiElimina
  9. è il miglior augurio che una persona possa farsi...
    in crociamo le dita e un abbraccione! :-)

    RispondiElimina
  10. proviamo a crederci...
    e poi no Cri, io cercherò banalissimamente di vivere me stessa.
    punto

    RispondiElimina
  11. Wow!!! Il mio resoconto e' stato assai piu' stringato O_O

    Che il 2014 ti porti tutto cio' di cui realmente hai bisogno. Un forte abbraccio
    B.

    RispondiElimina
  12. Hai scordato il 26.07: Nasce Pesa.

    RispondiElimina