Pagine

martedì 15 ottobre 2013

La clientela che scassa il cazzo # 2 #

Ho deciso. Andrò a zappare la terra. Sì, avete capito bene. Io e la terra. Nessun altro. Nessun cliente psicopatico che tende a macchiare la mia fedina penale.

Perché, a quanto pare, non basta avere a che fare con i vampiri. 
Tralasciando, infatti, la continua diatriba tra me e titolare in pure stile derby tra Juventus e Inter, ci sono i clienti scassa cazzo.

Le due precedenti clienti, di cui vi avevo parlato QUA, non si sono viste quasi più. La Monaca di Monza che incontro sempre al bar, quando vado a prendere il caffè per il titolare e che io cerco di ignorare indossando i miei occhiali da sole anche quando il cielo è nero, è entrata giusto ieri ma è stata poco. Venti minuti. Ho adottato la tecnica del No, non abbiamo altro oppure No, non c’è la sua misura. Devo dire che sta funzionando.

E’ una tecnica che ho maturato quando l’universo ha deciso di compensare la …perdita? di codesta pazza con l’arrivo di un’altra. Stesso modus operandi con l’aggravante che questa parla da sola. E se si rivolge a qualcuno lo fa in un modo che ti porta a guardati intorno in cerca dell’aiuto di qualcuno, di un interprete per esempio. E’ quella che ha avuto il coraggio di chiedere se poteva acquistare un reggiseno playtex, che di norma costa sulle 30 euro, e che noi abbiamo messo a 2 euro, al costo di 1 euro. Perché non c’è la mia misura, ha usato come giustificazione. E’ quella che non ti crede se le dici che non c’è altro. Che quando entra non saluta. Si fionda in fondo al negozio in silenzio che tu manco te ne accorgi.
Ma a quanto pare è pure famosa. Due clienti che l’hanno vista entrare si sono guardate facendo una strana faccia e poi, voltandosi verso di me, hanno notato la stessa espressione sulla mia di faccia.
Ma lei la conosce? Mi hanno chiesto.
Me lo dica lei, la conosce?  Ho risposto.
E’ un po’ strana.
Dall’altra parte che sarebbe stata una cliente scassa cazzo lo dovevo capire quando ebbi a che fare con lei la prima volta. Lavoravo al negozio da quasi un mese e mezzo e lei stette tipo un’ora e mezza per comprare delle cose. Io cercavo di essere sempre gentile perché ancora non avevo l’esperienza di adesso e non sapevo che, se volevo, poteva mandarla a cacare. La seconda volta che entrò cominciai ad essere acida come al mio solito, a tal punto che quando tornò a cambiare delle cose (che aveva pure provato….) disse a collega che l’aveva capito che mi stava antipatica. Ah, allora non sei cosi scema. Brava, me ne compiaccio. Peccato che rompi ancora i coglioni entrando.

Ma veniamo alla chicca del momento.
Questa cliente la conosco. Mi è pure simpatica ma voi lo sapete: se mi cacate il cazzo io comincio ad odiarvi. Costei (ma quanto sono professionale…) ha preso il posto della maniaca religiosa che voleva il mio numero e che da allora non mi parla più se non per acquistare qualcosa.
Solo che qui ci siamo evoluti. Essendo un’amica di mia zia, si è fatta dare il mio cognome per aggiungermi su facebook. L’ho aggiunta perché di certo io non scrivo i cazzi miei lì. Li scrivo qui.  

L’ho aggiunta, dicevo, convinta che fosse un modo per scoprire se titolare avesse facebook. Piccolo particolare: siamo convinti che se potesse si butterebbe a pesce su titolare.
Infatti non passa molto tempo che mi pubblica qualcosa riferita a lui. Ora la tonta non sa che io tra gli amici ho anche la moglie del mio titolare, che non è scema. Anzi. E’ un agente della CIA mancata. Per cui mi darebbe fastidio fare sta figura di merda.

Però lascio correre.
Ora. La tizia in questione comincia a pubblicare nella mia bacheca link di vario genere: sulla violenza sulle donne, sull’essere figlie, video che non ho visto…insomma tutte cose che io odio leggere e condividere su facebook. Che faccio quindi? Le vado cancellando, sbraitando perché è un operazione inutile ma che sono costretta a fare.

Fino a domenica. Quando, prima, mi contatta in privato per sapere il cognome di una pseudo amica del titolare che veniva a cacarci il cazzo, pure lei, ogni sabato. Veniva, perché dopo che abbiamo scoperto che andava a raccontare i discordi di titolare e degli amici suoi a terzi non si fa vedere più. (Alleluia)
Poi, mi pubblica l’ennesimo post sulla bacheca.
E niente. Sono impazzita e l’ho bloccata.

Indovinate chi ha chiamato all’apertura ieri pomeriggio per sapere che cosa aveva fatto? Lei.
Come mi ha detto SuperSimo, ho fatto la gnorri dicendole che mio cugino aveva messo mano nel mio cellulare cancellando alcune persone. Non sono stata molto decisa nel dire questo, sperando che capisse. Ma non penso che l’abbia compreso considerato che uscendo dal negozio (già è pure passata…) mi ha detto: Aggiungimi di nuovo.

Ho pensato che intanto la faccio stagnare. Le dico che non riesco a trovarla più tanto lei è una sega al computer. Dopo di ché, se rompe ancora, la sblocco ma al primo link che mi pubblica glielo dico. Che si intasasse la sua di bacheca.

Dio ma che ho fatto di male per meritare tutto questo?

25 commenti:

  1. Ecchemmadonna! Non dovresti dare troppa confidenza ai clienti xD Non aggiungerla più, tu non la trovi, oppure dille che non usi facebook ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma, giuro, che sono loro a prendersi confidenza... io a volte manco parlo!

      Elimina
  2. Praticamente una stalker...ma quella che hai descritto per prima? Un personaggio;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella di prima è da rinchiudere in manicomio!!!! ;)

      Elimina
  3. Babba bia, che ansiaaaa di personaaaaaa!

    RispondiElimina
  4. Vabeh ma questa è una stalker... roba da farsi un finto profilo solo per liberarsi di lei (o mandarla a quel paese ma mi pare non funzioni!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho pensato di cambiare nome e foto e dirle che mi sono cancellata però non credo che basti a fermala... LOL

      Elimina
  5. come me sei stata una sgualdrina nel passato? D:

    RispondiElimina
  6. vieni un attimo da me, su.
    sorpresina


    eheheheh

    RispondiElimina
  7. Come al solito perdo i pezzi. Ma poi recupero, eh?
    Comunque. Inutile darti consigli, qui. Tanto sai perfettamente cosa ti direi :)

    RispondiElimina
  8. Oddio già ti scassa nella vita lavorativa deve a tutti i costi intrufolarsi in quella privata/virtuale?
    Povera te Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è pace per il maligno (cit.) :D

      Elimina
  9. Ciao! Sono approdata sul tuo blog tramite quello di Pier!
    Che dire,leggendo questo post hai ricevuto tutta la mia comprensione!
    Non ho a che fare con clienti,ma posso capirti riguardo la bacheca intasata da gente psicolabile!
    Infatti ho acquisito,tramite fidanzato,una cugina-stalker.
    Non posso postare una foto di un luogo,che lei inizia a chiedermi dove fossi,con chi,quando e perchè non ci sono andata con lei.
    Non posso scrivere nemmeno una frase alla Fabio Volo,che lei inizia a domandarmi per chi è e per chi non è.
    Non posso nemmeno collegarmi che inizia a intasare la home di link idioti ("se non condividi questa cacca di coccinella non avrai fortuna quando sarai sul cesso"),domande insulse ("qualcuno di voi ha della lana per lavorare a maglia da prestarmi?" compratela,idiota!!) e,soprattutto,.....
    NON POSSO ELIMINARLA perchè telefona a mia suocera dicendole che l'ho trattata male,causando così guerre intestine e profondi valichi tra me e l' "adorata" suocera! -.-
    Ohhhh,come ti capisco!
    P.s. la prossima volta,infilale il dispositivo anti taccheggio in qualche tasca e aspetta che il titolare la becchi! Magari la brutta figura le impedirà di tornare in negozio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io avrei dato l'ultimatum al mio ragazzo: o la fai smettere o ti lascio! :D
      Scherzi a parte, esiste un modo su facebook per non fare pubblicare agli altri link sulla tua bacheca. Inoltre può limitare la visione della tua bacheca ad un gruppo di persone (o magari solo alla cugina rompi coglioni).
      Non dovrebbe accorgersi di nulla. Basta che guardi impostazione account.

      Non abbiamo il dispositivo anti taccheggio, ma anche al titolare comincia a stare un pò sulle scatole.

      Oh, benvenuta! :)

      Elimina
    2. Grazie per il benvenuta :)
      Sì,so come delimitare lo spazio facebook tra me e la suddetta cugina,ma purtroppo non posso farlo perchè,altrimenti,dovrei circoscrivere anche suo marito,sua sorella,suo cognato...e probabilmente anche le altre 5 cugine e sette cugini con i relativi coniugi,fidanzati e fidanzate,.....insomma,tutta la famiglia :S
      Comunque,il mio ragazzo è al corrente di quanto sia rompicoglioni,e sostiene (spero con convinzione) che alla prima occasione utile le dirà di smetterla!
      Purtroppo,essendo già accaduta una scena simile (con tanto di suocera pronta a buttarmi fuori di casa per amore della nipotina che tanto le somiglia),non credo proprio che la cara cuginetta capisca la lezione....anzi! :(
      Aggiungiamoci pure che il mio ragazzo è il suo testimone di nozze....e ci siam capite xD

      Elimina
  10. Ma che casino! Un consiglio: sguardo basso, rispondere solo sì o no o la gente ti si attacca a piovra! ( che culo!!)

    RispondiElimina