Pagine

giovedì 19 settembre 2013

Ciao, mi chiamo Cristina e sono un acida del cazzo.

Mio padre mi ha appena accusato di non essere dolce. 
Scandisco bene: D O L C E.

Sei sempre acida, ha detto.
Meglio, dico io. Meglio. Che non voglio proprio essere dolce con nessuno. Né oggi né domani. Non vi piaccio? Quella è la porta per andare a fanculo.

Per anni sono stata dolce, buona e minchiona e non ho avuto nulla in cambio per cui fanculo. Resto acida. Forse non ne terrò nulla di buono, che è comunque lo stesso risultato che ho ottenuto per anni facendo la gentile, ma quanto meno adesso mi diverto. Prendo un po’ per il culo le persone. Sono un po’ più sfacciata nonostante abbia ancora l’abitudine, incontrollata, a diventare rossa come un peperone. Maledetta timidezza del cazzo.
Che poi fossi così vipera. Così maledettamente stronza. Così cattiva.

Solo perché ho la tendenza a contro ribattere, a rispondere alle provocazioni, boom, apriti cielo. Ecco Crudelia Demon. 

Ed invece sono sempre io. La ragazzina che qualche volta sputa acidità, ma di quella che non uccide, e che comunque preferirebbe sotterrarsi che offende realmente e gratuitamente una persona. Qualunque essa sia.
Poi, vabbè, se mi provocate, vi tiro addosso tutte le parolacce possibili ed immaginabili, se sono in vena ne creo anche di nuove, ma in ogni caso questa si chiama autodifesa.


Che poi non lo sapete che di diabete si muore mentre di acidità no? 


34 commenti:

  1. quanto mi ritrovo in questa descrizione, non puoi capire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. purtroppo, aggiungerei. Che non è poi il massimo sentirsi dire certe cose..continuamente.

      Elimina
  2. Sei dolce in fondo, cerchi di indurire la scorza, ma è come nella puntata di spongebob in cui veste il lato verde abrasivo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha... nessuno mi aveva mai paragonato a spongebob :D

      Elimina
  3. Sei stata molto dolce con queste parole XD scherzi a parte, a mio parere fai benissimo. Lo stesso cambiamento è avvenuto in me da poco, oltre che esser diventato anche molto cinico. Purtroppo crescendo ti accorgi che in questa società marcia devi alzare le tue barriere di difesa per sopravvivere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cinica non riesco ad essere però c'hai ragione... che se uno non alza ste barriere è fottuto.

      Elimina
  4. *Alla A.A., Acidi Anonimi, tutti in coro: Ciao Cristina!"
    Non esiste nessuno che ci può proteggere, se non noi stessi. Ma ci sono molti post qui che dimostrano che sei dolce ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Ciao Maya!"
      Eh. Non tutti lo notano però.

      Elimina
  5. In più molti tacciano di acidità qualcuno se non dà loro la risposta che vogliono sentirsi dare, eh.
    Comunque anche io divento rossa. Anche quando mi arrabbio e dico cattiverie perché non fanno parte della me sonora (della me interiore, invece, tantissimo) e mi spiace sempre ferire gli altri perché mi rendo conto che la maggior parte delle volte si tratta di cazzate e scavando scavando mi accorgo che alla fine delle fiera il più delle volte non me ne frega un cazzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io non amo ferire cosi a caso le persone.
      Però gli altri questo problema con me non se lo pongono affatto, eh.

      Elimina
  6. A me i miei accusano di non essere abbastanza felice. Inizia a non tirarmi i predicozzi su come non sono felice e vedrai che la situazione già migliora! Ma ti pare?

    RispondiElimina
  7. ...che poi la dolcezza è finta,
    ma così finta da diventare vomitevole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da fare venire il diabete (quando è finta)..

      Elimina
  8. Dai Cri,
    io non credo tu sia così acida....e poi un pò di asprezza ci va ogni tanto, a me servirebbe essere un pò cazzuta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti vorrei capire perchè pensino questo di me...considerato che la maggior parte delle volte io scherzo.

      Elimina
  9. A volte si diventa così,per forza di cose .-.

    Cri t'appoggio,anche se.. sono una tenerona <3

    RispondiElimina
  10. anche io accusavo mia figlia di essere troppo acida. e scusa Cri, ma non serve davvero a niente. Lo facevo perchè pensavo a lei più che a me, a come la vedevano gli altri e mi dispiaceva che pensassero male, visto che anche Noemi è dolce, poi per chi come voi non è acida di natura .. mi dispiace dirtelo...ma soffri ugualmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so. Ma credimi che spesso confondono l'essere acida con lo scherzo. Esempio. Dopo una giornata lunga di lavoro per scherzare dico al mio titolare: "Va bene. Me ne vado. Addio".
      Apriti cielo. Lui ha fatto una faccia strana e mio padre dopo mi ha cazziato. Per la parola Addio. Come se avessi detto "Ciao figlio di puttana". A quanto pare è una cosa poco carina da dire, solo che io, GIURO, non lo sapevo.
      Come se davvero gli avessi augurato di non volerlo vedere più.
      Forse io ho sbagliato ma la reazione mi sembra un tantino esagerata..

      Elimina
  11. Risposte
    1. ma... a fare che?
      (tutti questi sorrisi e bacini ... mi stai diventando ruffiano? ) :)

      Elimina
  12. Il non dolce è amaro, non è acido ;-)

    RispondiElimina
  13. Io e l'acidità siamo parecchio in sintonia, ma dopo anni da buona e co****a (che fanno rima), e poi da acida come lo yogurt al limone, ho finalmente (credo) trovato un equilibrio: un battuta acida e un bacino a caso e siamo tutti felici... in ogni caso, ti appoggio in pieno! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh ma io sono pure dolce solo che non lo vede nessuno :(

      Elimina
  14. ognuno e' fatto a modo suo... eccheccazzzz..

    RispondiElimina
  15. il mio papà dice che un tempo ero acida come un limone... ora sono corrosiva XD

    RispondiElimina
  16. Com'è che questo me l'ero perso? Non sia mai! Sacrilegio!
    Comunque. Noi amiamo l'acidità, è risaputo. E c'è sempre un perché.

    RispondiElimina