Pagine

martedì 22 gennaio 2013

La clientela che scassa il cazzo # 1 #

Oggi vi tocca leggere un post sociologico.
Perchè quando si lavora in un negozio non sai mai chi cazzo sarà il prossimo cliente.
Con il tempo sto cominciando a riconoscerli, a classificarli e a dargli un nome proprio come fanno gli scienziati quando scoprono nuove forme di vita.
I due episodi che vi sto per narrare sono REALMENTE accaduti e sono uno peggio dell'altro.

1. La monaca di Monza (così l'abbiamo chiamata al negozio) è una donna sulla trentina che indossa una sciarpa intorno alla testa creando l'effetto: donna con il velo.
Sono sicura che non abbia tutte le rotelle a posto a partire dal fatto che voci di corridoio ci hanno informati che è fidanzata\sposata con uno che avrà dai 70 anni in su e che non è berlusconi.
Viene sempre per lo stesso motivo: Mutandine bianche di cotone. 
Ora non è che la merce nuova arrivi ogni mese. Passa del tempo prima che ci sia qualche articolo nuovo; ma la monaca di Monza (pensate intanto alla canzoncina di Quark) è capace di venire anche 4 volte in due settimane e poi fare passare mesi (Alleluia). E' capace di prendersi delle schifezze colossali tipo completi intimi ancora prezzati in lire e che andavano di moda negli anni 70 oppure farmi uscire tutta la merce per non comprare nulla. 
Inizialmente ho pensato avesse una cotta per il mio titolare ma adesso non lo so. Forse viene a passarsi il tempo. 
Una volta, quando le dissi che non era arrivato nulla di nuovo lei mi rispose che dovevo riuscire tutta la merce perchè era possibile che oggi su qualcosa mi avrebbe detto di si. (EEEHHHH???)
Diciamo che quando la vedo entrare mi nascosto anche perchè adesso non capisco se venga per fare amicizia con me o non voglio immaginare cos'altro.
Una volta mi disse che non mi sarei liberata di lei facilmente fino a quando non avrebbe trovato le mutande per lei (A me è suonata come una minaccia).
Sta di fatto che la incontro al bar. Che io ci sono andata solo per prendere un caffè al mio titolare.
E che cazzo fa questa?? Mi viene a salutare. 
Immaginate la scena di questa che si avvicina e io che mi tiro indietro con gli occhi sbarrati. "ma che fa non mi riconosci?"  mi saluta e mi chiede se sono Carmela. "Veramente no" rispondo. Intanto facevo cenno al barista di sbrigarsi con quel cazzo di caffè da portare via. 
Lei parlava dicendomi che al mondo esistono 7 sosia di ognuno di noi e si avvicinava mentre io facevo "ah, si" con l'aria di chi invece vorrebbe solo prenderla a sberle e scappare. Arriva il caffè e mi dileguo gettandomi parte del caffè sui guanti NUOVI con le borchie a forma di stelle e teschi. Maledetta Puttana.

2. La seconda pazza non ha ancora un nome. Ha 71 anni e l'avevo vista già altre volte. Una che sta un' ora per scegliere un reggiseno perchè nel frattempo ti racconta un sacco di cose di cui non interessa un cazzo a nessuno e che vuole che stai in camerino con lei e che alla fine mi fa la stessa domanda: "Ma tu la domenica a messa ci vai?"
ora non capisco perchè tutti si interessino alla  mia vita spirituale e so che se avessi risposto che sono atea avrei generato una predica infinita allora sperando in una meno lunga rispondo che no non ci vado la domenica a messa.
Ovviamente non mi scanso nessuna predica e comincia a parlarmi dell'amico che se non vai a trovare ci sta male, sul perdono ecc...ecc..ecc.. Io annuisco, dico "si, giusto" insomma la lascio parlare perchè generalmente non amo rispondere male alle persone subito e poi mi dico che è una persona vecchia insomma la stolitanza la devo pure considerare.. 
Però bella mia se alla fine, dopo aver pagato, esci il tuo telefono (Un I-Phone 4 mentre io cammino  ancora con un reperto archeologico) e mi dici: "Adesso, Cristina, mi dai il tuo numero cosi ti mando i messaggini" ecco io non reggo.La guardo con gli occhi sbarrati e ripeto "Il mio numero??" . Ringraziando sempre Castiel nei suoi momenti da Dio, esce un'altra signora e mi dirigo da lei  e nel frattempo penso che ho 3 possibilità:
A. le do un num sbagliato
B. le do il num tim che uso pochissimo
C. le dico che non le do niente e basta.
Scarto le prime due perchè non porterebbero a nulla di buono per me e le dico: "Signora, si offende se non le do il numero".
Ora, una persona normale avrebbe capito l'antifona e avrebbe smesso. 
Lei no. Mi ha letteralmente scassato la minchia perchè voleva il mio numero. Dicendomi che non mi avrebbe mandato messaggi che mi turbavano, che era per sapere se andavo in chiesa per non dover passare dal negozio (EEEEHHHHHHH????). Le ho detto che non era politica del negozio (cazzata, ovviamente) e lei risponde che mica mi deve svaligiare il negozio. Le ho detto che tanta a messa non ci sarei andata. Ma lei continuava. Insomma è stata mezz'ora li con il telefono con scritto "-il nome del negozio-, Cristina" ad avvicinarsi a me e a supplicarmi.
OOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOHHHH, ma sai che stai rompendo la Minchia??????
Niente. Le dico di No con gli occhi infuocati e prima di vomitare una serie di parolacce e bestemmie mi rivolgo ad un'altra signora che era appena entrata e che per fortuna mi porta fuori per farmi vedere una cosa in vetrina. 
La pazza esce, mi guarda e senza salutarmi se ne va. (Alla faccia del fare Cattolico).

Ma vi rendete conto di che cazzo di vita faccio io? Vi rendete conto con che persone sono costretta ad avere a che fare?
E mio padre che mi disse prima di cominciare questo lavoro: "Sisi, lavora che entri a contatto con persone nuove, fai nuove esperienze...."
Ma dico io: NON ERA MEGLIO SE ME NE RESTAVO A CASA, PORCO CAZZO!!

Chissà chi sarà oggi il cliente pazzo che mi sfiderà la mia calma interiore. Per saperlo restate sintonizzati su questo canale.
Che la pace sia con voi. E l'ammazzi con il gas pure. Che è come il nero. Sta su tutto.

22 commenti:

  1. ahahahah ma cri, guarda il lato positivo della cosa, in negozio il tempo passa velocemente con questo tipo di clientela...
    Comunque da questo post esce la sicula che c'è in te con "scassando la minchia" ...

    RispondiElimina
  2. la fondamentalista cattolica che ti vuole mandare i messaggini è davvero notevole. Che poi, con clienti del genere, più che una messa serve un esorcismo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la prossima volta provo con quello..

      Elimina
  3. eh si, la signora ha proprio scassato la minchia!

    RispondiElimina
  4. Mioddio sembrano scene di un film xD Io me la rido ma capisco che ti devono sul serio essere cascate le balle :) Condoglianze !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco. riderei anch'io se non mi fossi trovata in questa situazione. la prossima le dico un esorcismo, magari si leva dalle balle! :)

      Elimina
  5. a casaaaa! sotto una bella copertina calda, cioccolata calda, filmino caldo e via!

    RispondiElimina
  6. dire che ci vuole pazienza è banale, come pure scrivere che dall'incontro con persone diverse, moooolto diverse da noi possiamo cogliere elementi edificanti.
    Sono cose vere, però il vaffanculo ogni tanto con certa gente ci vuole :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il problema è quando si insiste... e si il vaffanculo ci vuole e come!

      Elimina
  7. "che se avrei". No.
    Vai e correggi.

    Per il resto, sto ancora spanzato a ride.
    Che la Cristiana Coppta de sta minchia, è veramente una macchietta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Minchia. non me ne ero accorta.
      Grazie capoccia mia, senza di te come farei?
      (e meno male che rileggo tipo 15 volte quello che scrivo...)

      Elimina
    2. ps: che a pensarci bene potevo dargli il tuo di numero.
      Ahahahahahahahahaahahahahah...

      Elimina
    3. Ammettilo.
      Al telefono sembro quasi normale.

      Elimina
    4. Verissimo.
      Non sembri il bastardo che immaginavo. Però è anche vero che una telefonata di pochi minuti non è molto attendibile.

      Elimina
    5. Il pericolosissimo vortice delle telefonate del banale..

      Elimina
    6. @marghe: Ah si? E' un vortice?

      @cri: E comunque pochi minuti un cazzo. E' che parlava solo la biondona. E' che avevate fretta.
      E' che pagavi tu.
      Io ero bello tranquillo a bere una Heineken.

      Ma soprattutto: come dovrebbe essere un cazzo di bastardo al telefono?

      Elimina
    7. lo stesso che scrive sul blog.
      e comunque se vogliamo dirla tutta mi sei costato tipo 1.89 euro. che cazzo. ma perchè non avete wind voi blogger? che tipo per parlare con te, messaggiare con all'aria e Ade mi costate una fortuna....

      Elimina
    8. Ehi io ti sono costato solo 1.89.
      Direi che solitamente faccio pagare di più. Ti è andata di lusso bellamia.

      Elimina
  8. Questa me l'ero persa. Assurde tutte e due.

    RispondiElimina