Pagine

lunedì 10 settembre 2012

Hate.

L'odio è quella forza che distrugge, demolisce, disintegra.
L'odio è uno di quei sentimenti che sperimentiamo già nella primissima infanzia.
L'odio è quello che oggi ho provato per:


  • Chi dice che governa per noi. Questi pezzi di merda in realtà ci stanno uccidendo. Stanno uccidendo le nostre tasche e i nostri sogni. Che io ce l'ho un sogno e loro me lo stanno mandando in frantumi. Perchè io non riesco quasi più a pagarmi l'università. E la colpa è solo la loro.
  • Chi ha deciso di chiamare la tassa del "Diritto allo studio" così. Cosa è: una presa per il culo? Scusa in che cazzo consisterebbe il mio diritto? Nel vedere lievitare questa pseudo tassa da 85 a 140 euro? Potevate chiamarla "La tassa che aumenta" o "Tassa che devi pagare".. ecco, forse sarebbe stato meno provocatorio. Dovrebbero darvi il premio per migliori Teste di Cazzo. 
  • Quelle due oche giulive che sono entrate al negozio ancheggiando come se si stesse prostituendosi alla Favorita. E che a un certo punto senza neanche salutare se ne sono andate lasciandomi lì come una cretina. 
  • Mia sorella nell'atto di prepararsi per uscire. Si è cambiata 3 volte i vestiti e 2 volte le scarpe e 2 volte si è sistemata il trucco. Ed io che stavo morendo di fame, che se non andava via io non mangiavo perchè mangiare con una che spassa e passa davanti a te mi dà leggermente sui nervi.
  • La gente che si lamenta della crisi ed ha case ed attività di proprietà. No, ma dico io.. e quelli che non hanno un cazzo che dovrebbero fare?! Certo... non ci siete abituati a stringere la cinghia, eh?! 

L'unico finale che riesco a pensare per questo post è:
V A F F A N C U L O 

23 commenti:

  1. Mammamia...
    Io sto diventando fuorisede e ho l'ansia. L'ansia perchè la mia famiglia farà dei sacrifici e mi sento così in colpa. Per tutto quello che gli sto facendo pagare.

    E cazzo sì. Io non voglio nè pretendo di diventare ricca in un futuro. Ma ho una paura fottuta della povertà. Veramente tanta paura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io dovrei accedere al 3. ma ho dato pochi esami perchè lavorando non è facile.
      E si, la povertà fa paura eccome.

      ps: finalmente sei tornata :)

      Elimina
    2. E in più ora se vai fuoricorso paghi pure (ma quanto so stronzi...)

      Sì, sono tornata, ho solo l'amarognolo in bocca per questo tema, che sto affrontando anch'io, in un certo senso. Nnnaaggia.

      Elimina
  2. condivido il vaffanculo. ma adesso non mi basta più. perchè la mia è una di quelle famiglie che non ha niente e che deve pagare, pagare, che mi sta venendo la voglia di non incoraggiare mia figlia con lo studio che tanto vale poco. che c'ho messo anni a strillare dietro ai miei figli che non hanno studiato e meglio così ora. che pensavo che queste parole non le avrei mai dette. che sono una che la violenza mai ma adesso una bomba sotto il culo de sti sronzi sarei la prima io...va bè..scusa me so fatta prende la mano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione! la verità è che noi paghiamo pure per quelli che non lo fanno: ecco perchè stiamo cosi male.
      altro che bomba... io userei un bel bazooka e godrei a vedere le loro facce che mi supplicano di risparmiarli... ahahaha.. col cazzo! :D
      (anch'io se mi lascio prendere la mano sono pericolosa..)

      Elimina
  3. Arianna, mgg64 e Cacciatrice... io personalmente ritengo che la mia felicita' non possa ne' debba passare per vie altrui o da altri gestite. ma a prescindere da questo, vi abbraccio tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione però è difficile vedere come il tuo lavoro possa andare perso perchè non riesci a stare dietro a tutti questi aumenti...
      grazie dell'abbraccio :-*

      Elimina
    2. alpexex: la mia e la tua felicità PASSA per vie altrui. Perchè quando non ce la fai a pagare le bollette, quando vai a fare la spesa e non ti porti dietro la bambina che poi ti chiede e tu non ce la fai più a dire che non hai abbastanza soldi. quando i tuoi figli si alzano all'alba per lavorare e poi non si possono permettere la scarpe che vorrebbero, quando tua madre, che prende 450 euro di pensione, spende per comprare lo zaino nuovo a tua figlia, forse queste cose non determinano la mia felicità ma ti assicuro che determinano la mia incazzatura. E ti scoraggi, ti deprimi anche a leggere le storie degli altri, come Cristina, io ci ho messo due anni a pagare il funerale di mio marito. Comunque grazie per l'abbraccio e scusa se ti ho risposto così incazzosa...è una costante per me ormai...

      Elimina
    3. tiriamo avanti mgg64.
      Un passo dopo l'altro e tenendoci la mano.

      Elimina
    4. mgg64, figurati, come gia' ho scritto in altro commento, il vaffanculo ci sta tutto. patrimonio dell'umanita' e va bene anche se ci mandi me, affanculo :) del resto io ce ne mando tante di persone e continuamente. ho cominciato anche a fare di tutt'erba un fascio, e ci mando camionate di categorie, a quel paese, figurati... ma lo ribadisco. la tua felicita' non puo' passare per vie altrui. la tua infelicita', invece , si.

      Elimina
  4. avere ragione e' uno dei fatti piu' inutili e sopravvalutati nella vita degli esseri umani. :) ieri cmq a cena si parlava di cosa sia mantenere un livello di esistenza interno a questo sistema. mi pare chiaro come risulti implicito, nella possibilita' di farlo, che si vada incontro a una vita di merda. cioe', nel caso specifico, uno puo' anche riuscire a starci dietro agli aumenti ma
    1- cosa gli costa
    2- come vive
    e
    3- cosa produce

    va bene il vaffanculo patrimonio dell'umanita'. ma siamo arrivati al punto in cui tocca farsele quelle tre domande. almeno quelle tre.

    RispondiElimina
  5. Per me la crisi c'è da quando ero bambina.
    Da quando siamo passati dalla casa a dieci minuti dal centro al palazzone in periferia nord.
    Quando andavo a scuola e non potevo prendermi il panino al bar come gli altri perché quel giorno mia madre non aveva una lira da darmi. E mi chiedeva scusa. E io le dicevo non importa. Perché davvero non importava.
    Quando si mangiava solo pasta in bianco. Quando andava bene al sugo.
    Quando ho cominciato a lavorare che ero solo una ragazzina. E dovevo dare tutto in casa e non bastava mai.
    E adesso?
    Adesso la crisi è vedere mio padre che piange perché questo mese non ce la fa. E deve chiedere un altro prestito.
    E loro?
    E loro prendono migliaia di euro al mese. Le pensioni a quarant'anni. E che pensioni. E non si pagano nemmeno il ristorante. O il cinema. O i massaggi. E si permettono di presentarsi in tv a dire che stanno lavorando per noi.
    E noi?
    E noi si tira avanti.
    Bastasse un vaffanculo per cambiare le cose, Cri. Bastasse, cazzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando siamo venuti ad abitare nella casa nuova sembrava che le cose stessero migliorando. Poi mia madre muore e non solo il dolore ma pure le difficoltà. Perchè con la sua pensione pagavamo metà dell'affitto.
      E poi c'era da pagare il funerale.
      E poi chiedi un prestito.
      E poi non puoi più pagare quello vecchio.
      E non lo paghi più e vivi con l'angoscia che un giorno venga qualcuno a portarsi via tuo padre.
      E tua sorella lavora 8ore al giorno in un negozio di merda è la meta finisce per pagare le bollette.
      E io lavoro e quasi tutto finisce per lo stesso motivo.
      E il lavoro di papà che va male e se finisce l'ippodromo di Palermo siamo sotto un ponte (sempre se se ne trova di spazio.)
      E mi chiedo come posso pagare più di 800 euro di tasse l'anno per l'uni. E con essa sfuma l'unica possibilità di avere una vita migliore.

      Elimina
  6. condivido la rabbia e la frustrazione per la tassa universitaria, che, diciamocelo, non serve a nulla, visto che dalle mie parti i servizi offerti sono nulli.. Pensa che da noi c'è una tassa per i laboratori che nessuno ha da fare o.o Per la gente che ti passa e spassa attorno e davanti, si, nervi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a chi lo dici. I servizi fanno schifo.
      che se vado all'università privata pago tanto quanto e ottengo molto di più...

      Elimina
  7. non posso che darti ragione e urlare insieme a te a squarciagola quel VAFF...

    RispondiElimina
  8. eh, che odio!
    odio profondo per il sistema e per gli apatici indifferenti.
    cambiamo le cose!

    RispondiElimina
  9. Condivido!
    Però il vaffanculo in viola su sfondo nero si vede poco, e invece dovrebbe essere evidente e sicché ti suggerisco il GIALLO ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ok, ora devi dirmi come si fanno i cuoricini qui su blogger!!

      Elimina
  10. Bè mentre tu parli di odio io ti comunico che sono ufficialmente affezionata a te...t'ho premiata!

    RispondiElimina